Premio Battaglia, a Giorgia Lazzari l’edizione dedicata al rapporto Banca-territorio

«Realizzando questa ricerca ho avuto modo di toccare con mano il rapporto simbiotico tra la Banca di Piacenza e il territorio dove opera. Sono onorata di ricevere il premio e auguro alla Banca che questo forte legame possa durare per sempre».

Con queste parole Giorgia Lazzari – vincitrice della 34ª edizione del Premio “Francesco Battaglia”, istituito nel 1986 per ricordare ed onorare la figura di uno dei fondatori e indimenticato presidente dell’Istituto di credito – ha ringraziato Presidenza, Direzione, Consiglieri e Sindaci presenti in Sala Ricchetti alla cerimonia di premiazione. “Come la Banca di Piacenza aiuta la sua terra: le risorse riversate dalla Banca di Piacenza sul territorio”, questo il tema sul quale si dovevano misurare gli studenti universitari (iscritti presso una delle sedi dell’Emilia Romagna, della Liguria o della Lombardia) che hanno partecipato.

Il presidente del Cda Giuseppe Nenna si è complimentato con la vincitrice ricordando «il prestigio che la Banca gode sul territorio» e la figura dell’avv. Battaglia, «grande presidente, che con la sua azione ci ha permesso di arrivare fino ad oggi e di guardare al futuro con fiducia». I complimenti alla vincitrice sono stati poi rinnovati da Domenico Ferrari Cesena, consigliere della Banca e membro della Commissione giudicatrice del Premio (insieme a Sara Battaglia e a Carlo Emanuele Manfredi): «Un lavoro molto bello – ha osservato – con un approccio cronologico interessante».

Giorgia Lazzari, presente con il papà Massimo e la mamma Francesca De Chiara, è di Fiorenzuola e frequenta l’ultimo anno di Giurisprudenza all’Università di Pavia. «Ho cercato di concentrare la mia ricerca – spiega – su tre ambiti per declinare l’azione della Banca nei territori di appartenenza: il sostegno alle imprese, le emergenze (e il Coronavirus ha reso questo ambito di drammatica attualità) e la produzione culturale. In questo modo penso di essere riuscita a dimostrare concretamente come si estrinseca effettivamente l’impiego delle risorse sul territorio da parte della banca locale, rimarcando il legame con il territorio stesso e la circostanza che lo fa da 84 anni, un traguardo importante di cui andare fieri».

La 35ª edizione (2020/2021) del Premio Battaglia avrà per tema “L’impatto dell’emergenza sanitaria legata al Virus Corona ed il ruolo svolto dalla Banca di Piacenza nel sostegno al territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.