Smart working, la Regione finanzia i progetti degli enti locali. A Piacenza 270 mila euro

L’obiettivo della Regione è chiaro: creare le condizioni affinché il lavoro in modalità smart working sia sempre più utilizzato e sia sempre più possibile allargare la platea di coloro i quali possono utilizzare questo strumento.

Per questo la Giunta regionale, guidata dal presidente Bonaccini, ha deciso di sostenere l’impegno degli Enti locali in questa direzione, e lo ha fatto attraverso un bando grazie al quale sono stati finanziati 55 i progetti degli Enti locali, per un totale di 3,4 milioni di euro, di cui 600 mila già liquidati. Progetti messi in campo per far fronte al lavoro di Comuni, Unioni di Comuni, Province e Città Metropolitana dell’Emilia-Romagna, durante e dopo l’emergenza sanitaria Covid-19. A Piacenza sono stati destinati complessivamente 269.500 euro, così ripartiti: 105 mila euro per il Comune di Piacenza, 24.500 per il Comune Alta Valtidone, 17.500 per Borgonovo, 52.500 per la Provincia di Piacenza, 17.500 per l’Unione Valnure e Valchero, 52.500 per l’Unione Bassa Valtrebbia e Valluretta.

Tante le idee progettuali a sostegno del lavoro Smart e della trasformazione digitale emerse nei progetti: migrazione su cloud, adozione di strumenti di social collaboration, formazione per lo sviluppo di una nuova leadership digitale, rafforzamento del lavoro per obiettivi e del lavoro per team, sviluppo di processi e servizi full digital, ripensamento di spazi e luoghi di lavoro. Tutte componenti per disegnare una nuova Pubblica amministrazione veloce e agile nel dare risposte alle esigenze del territorio e dei cittadini.

“L’emergenza legata al Covid ha indotto ad accelerare il processo di riorganizzazione della Pa – afferma l’assessore regionale al Bilancio e al Personale, Paolo Calvano -. Per questo, compiendo uno sforzo straordinario, in fase di assestamento di bilancio abbiamo ampliato il finanziamento di ulteriori 1 milione e 450 mila euro che si aggiungono ai primi 2 milioni. Su questo siamo stati pionieri in Italia, nella consapevolezza che l’innovazione nella Pa è fondamentale per la qualità dei servizi offerti ai cittadini”.

Il bando per l’attivazione dello Smart Working si inserisce all’interno di una strategia che la Regione promuove già dall’ottobre 2019. Infatti, prima dell’emergenza Covid-19, è stato avviato il progetto VeLA-Emilia-Romagna Smart Working, finalizzato a creare le condizioni di sistema affinché possano svilupparsi, nell’ambito delle Pa presenti nel territorio regionale, modalità di lavoro Smart, contribuendo così al processo di trasformazione digitale del territorio.

“Abbiamo capitalizzato l’esperienza che gli enti pubblici hanno realizzato in questi mesi di emergenza, dove lo smart working ha rappresentato una scelta obbligata ma anche un investimento sul futuro. Ciò – aggiunge l’assessore regionale all’Agenda digitale, Paola Salomoni – ha permesso non solo di garantire la continuità dei servizi ma ci ha mostrato proprio un avanzare su una strada importante che Hmostra come il digitale sia strumento fondamentale nello sviluppo sociale. Proprio in questo momento stiamo lavorando alla nuova Agenda Digitale che sarà anche lo strumento per progettare una nuova Pubblica amministrazione digitale, sempre più efficace nella risposta alle esigenze del territorio e dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.