Quantcast

Tris della Samp al Garilli, ma il Piacenza non sfigura (0-3)

Più informazioni su

Il Piacenza cede 3-0 alla Sampdoria nell’amichevole di lusso che ha segnato il ritorno in campo al Garilli, dove si è tornati dopo mesi a respirare l’aria di calcio giocato, con l’impianto aperto per l’occasione che ha accolto circa 800 tifosi nel rispetto delle norme anti Covid.

Era un match ovviamente proibitivo per la squadra di Manzo, contro una formazione di Serie A, ma complessivamente il Piacenza non ha sfigurato, giocando con buona personalità davanti al più quotato avversario, senza rinunciare a farsi vedere in avanti e mettendo in mostra trame interessanti in più di un frangente.

LA PARTITA – Manzo schiera i suoi con il 4-3-3, con il tridente Lamesta-Babbi-Flores; in difesa giocano Bruzzone e Corbari con il piacentino Visconti e Daniello sugli esterni, in mediana ci sono Gallazzi e Pedone con D’Iglio. E’ il portiere biancorosso Vettorel grande protagonista nella prima frazione di gioco – nella quale i blucerchiati di Claudio Ranieri hanno mantenuto saldamente il controllo delle operazioni collezionando occasioni e calci d’angolo – chiamato in più occasioni ad opporsi alle incursioni offensive degli ospiti. Al 7’ l’estremo difensore è salvato dalla traversa sul colpo di testa di Hyoshida, ma al 18’ non può nulla sull’incornata da pochi passi di Colley sugli sviluppi di un corner.

Nella seconda parte del tempo provano a farsi vedere in avanti anche i biancorossi: spettacolare la rovesciata di Babbi, parata da Belec, poi è Lamesta a non sfruttare un errore della difesa blucerchiata sparando alto da buona posizione. Al 38’ il raddoppio della Samp: Augello arriva sul fondo e fa partire un bel cross sul quale arriva Bonazzoli che incrocia di testa e fredda Vettorel. L’ultima fiammata del primo tempo è biancorossa, con la gran botta di Flores Heatley deviata in corner da Belec.

A inizio ripresa la terza rete della Samp: Vettorel respinge la conclusione di Quagliarella, ma Bruzzone si fa soffiare la palla da Léris che da pochi passi insacca con un potente diagonale. Il numero uno biancorosso è ancora sugli scudi e nega per due volte il gol a Quagliarella (applausi per il bomber all’uscita dal campo da parte del pubblico di casa), dall’altra parte la gran conclusione di D’Iglio impegna Belec, poi via alla prevedibile girandola di cambi da una parte e dall’altra. Nel Piacenza Gallazzi non riesce a finalizzare un’azione di contropiede, per la Samp nel finale il colpo di testa di La Gumina, ben servito in piena area da Ramirez, finisce tra le braccia di Vettorel.

Applausi a fine gara dagli spalti del Garilli, tornato a ripopolarsi per una sera nella speranza che al più presto si possa ritrovare la normalità. Dal punto di vista sportivo è ovviamente troppo presto per trarre conclusioni. In campo, oltretutto contro un avversario di ben altra caratura rispetto ai biancorossi, c’era una squadra completamente rinnovata rispetto a quella che lo scorso febbraio aveva calcato per l’ultima volta il terreno di casa e costruita non certo per un campionato di vertice: ma per quanto visto stasera questo gruppo merita fiducia.

Soddisfatto il tecnico biancorosso: “E’ stata una serata emozionante, la città ha risposto con grande affetto e questa per noi è una spinta importante. Ringrazio tutta la città di Piacenza, stasera ci siamo emozionati. Ho chiesto ai ragazzi di divertirsi ma allo stesso tempo onorare la maglia che avevano addosso, sono molto contento di tutti i miei ragazzi”.

VIDEO – LE PAROLE DI VINCENZO MANZO A FINE GARA

PICENZA – SAMPDORIA 0-3
(18′ Colley, 38′ Bonazzoli, 52′ Léris)

Piacenza: Vettorel; Daniello (26′ s.t. Saputo), Bruzzone, Corbari, Visconti (22′ s.t. Renolfi); Pedone (39′ p.t. Palma), D’Iglio (25′ s.t. Losa), Gallazzi (44′ s.t. Casali); Lamesta (10′ s.t. Maio), Babbi (10′ s.t. Villanova), Flores (26′ s.t. Ghisleni). A disposizione: Migliore, Martimbianco, Renolfi, Siani. Allenatore: Vincenzo Manzo.

Sampdoria: Belec; Depaoli (11′ s.t. Murillo), Yoshida (23′ s.t. Rocha), Colley (11′ s.t. Tonelli), Augello (23′ s.t. Regini); Léris (11′ s.t. Ramírez), Vieira (23′ s.t. Capezzi), Verre (23′ s.t. Palumbo), Bahlouli; Quagliarella (36′ s.t. La Gumina), Bonazzoli (36′ s.t. Prelec). A disposizione: Avogadri, Ravaglia, Chabot. Allenatore: Claudio Ranieri.

Arbitro: Delrio di Reggio Emilia.
Assistenti: Ceccon di Lovere e Cataldo Bergamo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.