Quantcast

Il Piacenza strappa un buon pareggio a Carrara (1-1) IL COMMENTO

Più informazioni su

CARRARESE – PIACENZA 1-1 (FINALE)
Corbari al 17′, Infantino al 66′ (R)

Dopo il successo nel turno infrasettimanale contro il Livorno, il Piacenza strappa un buon punto sul complicato campo della Carrarese al termine di un’altra prestazione positiva. In vantaggio di una rete grazie a Corbari, i biancorossi hanno subìto nella ripresa il ritorno dei padroni di casa con il pareggio arrivato su calcio di rigore. Rimasta in dieci per l’espulsione di Borri, la Carrarese ha però dovuto respingere nel finale gli attacchi dei biancorossi, che tornano a casa con un pari meritato.

LA PARTITA – Anche questa volta la vigilia è tutt’altro che tranquilla, con il tecnico Manzo risultato positivo al Covid e sostituito in panchina dal vice Lunardon. Altro giro di tamponi per tutti, fortunatamente negativi, e si può scendere in campo. Non ci sono sorprese nell’undici iniziale del Piacenza, con la conferma in avanti di Babbi e Maio supportati da Gonzi. Prime battute equilibrate, poi, quando sembra che la Carrarese inizi a portare maggiore pressione, il Piacenza passa: è Corbari che sorprende tutti sbucando alle spalle della difesa e insaccando in piena area il cross dalla sinistra di Visconti. Per lui seconda rete consecutiva dopo quella contro il Livorno. Non si fa attendere la reazione dei toscani, e nel giro di pochi secondi Vettorel deve distendersi due volte per respingere le conclusioni di Infantino e Pasciuti. Tegola alla mezz’ora per il Piacenza: Maio alza bandiera bianca per un problema fisico, lo sostituisce Lamesta. Poco dopo la Carrarese pareggia con Infantino, ma l’assistente sbandiera il fuorigioco dell’attaccante che aveva anticipato tutti su un bel traversone di Imperiale. Baldini toglie Pavone e inserisce Piscopo, i suoi premono ma il Piacenza tiene bene e va al riposo in vantaggio.

Al rientro in campo è la Carrarese a spingere sull’acceleratore, Baldini manda in campo anche Cais, dalla panchina biancorossa rispondono con Siani e l’ultimo acquisto Ballarini per Babbi e Galazzi. Piscopo di testa sfiora il palo allo scoccare dell’ora di gioco, i toscani spingono forte e il Piacenza fatica a ripartire. Al 66’ arriva il pari: l’arbitro vede un tocco di mano nell’area biancorossa e assegna il penalty, dal dischetto va Infantino che spiazza Vettorel. Passano nemmeno dieci minuti e i padroni di casa restano in dieci quando l’ex Borri entra duro su Ballarini e si prende la seconda ammonizione; la partita resta vivace, il Piacenza prova a far valere l’uomo in più, ma la Carrarese non rinuncia a giocare. Lamesta dalla distanza crea qualche difficoltà a Mazzini, Lunardon fa alzare dalla panchina anche Miceli e Corradi e il finale di gara è tutto a tinte biancorosse, ma l’unica occasione capita sui piedi di Bruzzone, che calcia fuori dall’interno dell’area piccola: era però in offside. L’ultima emozione è il gran destro dalla distanza di Miceli che sibila di poco a lato.

Domenica prossima altra trasferta in Toscana, questa volta a domicilio della Pistoiese.

Carrarese Piacenza

IL COMMENTO di Luigi CariniIl Piacenza accarezza l’impresa in casa della capolista, ma la sfiora soltanto e ottiene un punto ampiamente meritato alla conclusione di una partita dal risultato sempre in bilico che lascia, di conseguenza rimpianti da una parte e dall’altra. Corbari ha il fiuto del goal e, come nella partita col Livorno, si fa trovare pronto sul cross (questa volta dalla sinistra) e porta in vantaggio i biancorossi. Naturalmente la partita cambia fisionomia. Il Piacenza è costretto a difendersi; lo fa con ordine, tempestività e, talvolta, con l’aiuto della buona sorte e con la bravura del portiere Vettorel. In questa fase convince l’organizzazione difensiva del Piacenza che lascia ai quotati avversari solo spunti sporadici oltre, naturalmente, una certa supremazia di gioco non rinunciando mai a belle combinazioni di rimessa.

Nella ripresa, invece, arretrano troppo il baricentro del gioco e subiscono l’assedio della Carrarese che giunge, però, al pareggio grazie ad un rigore, probabilmente giusto ma per un fallo di mano inutile ed occasionale. Qualche minuto dopo, però, i locali restano in dieci per l’espulsione dell’ex Borri; ed allora i biancorossi salgono in cattedra e cercano fino all’ultimo il gol della vittoria che non arriva un po’ per circostanze sfavorevoli ma, soprattutto, per l’ormai cronica lacune di questa formazione che non ha nelle sue file un attaccante da area in grado di concretizzare le numerose occasioni create.

Il fattore più confortante che ricaviamo da questa partita è che la squadra di Manzo (oggi assente per covid), nonostante gli andamenti controversi è sempre stata in partita con intensità e freddezza; sia quando era tempo di difendersi e sia quando si proponeva in avanti, dimostrando una solidità ed un impianto di gioco davvero importanti che potrebbero fare di questa squadra la rivelazione del campionato. Altra qualità è la condizione atletica: i biancorossi corrono di più degli avversari e vincono i contrasti e gli anticipi. Sarà così anche in futuro? Sarebbe un importante patrimonio. Una squadra, dunque, forte, esteticamente piacevole ed agonisticamente molto generosa: se dovesse arrivare anche l’uomo gol le prospettive potrebbero essere lusinghiere.

LA DIRETTA VIDEO
Carrarese in 10 dal 73′ espulso Borri per doppia ammonizione.

Pareggio della Carrarese al 66′ su rigore dopo un fallo di mano di Bruzzone nell’area biancorossa. Dal dischetto non fallisce Infantino.

In campo nella ripresa le due formazioni.

Primo tempo che si chiude allo stadio dei Marmi con i biancorossi avanti.

Al 45′ azione in area avversaria di Lamesta che poi cade. Ammonito per simulazione.

Al 32′ gol annullato alla Carrarese per fuorigioco. Infantino con un elegante colpo di petto aveva raccolto il cross da sinistra di Imperiale.

Vantaggio Piacenza al 17′ con Corbari, capocannoniere dei biancorossi con il secondo gol della stagione.

Cross di Visconti dalla sinistra che trova pronto Corbari, in controbalzo con il piatto destro colpisce in maniera sporca, mettendo fuori causa Mazzini.

Match iniziato a Carrara.

La formazione biancorossa:

Carrarese e Piacenza scendon in campo per la quarta giornata del girone A.

Per i biancorossi un ritorno allo “Stadio dei Marmi” che solo sette giorni fa vi hanno disputato la partita contro il Pontedera.

La gara avrebbe dovuto prendere il via alle 17 e 30, ma in seguito ad un caso positività tra i biancorossi ha obbligato il posticipo dell’avvio del confronto.

Nei toscani Silvio Baldini conferma il 4-2-3-1 ventilato alla vigilia, preferendo in difesa Grassini a Murolo mentre Pavone andrà a fare coppia con Luci a centrocampo, al posto di Schirò. Sull’altra sponda i biancorossi, guidati in panchina dal secondo Manuel Lunardon si affidano al 4-3-3 preventivato alla vigilia del match.

Le probabili formazioni

CARRARESE (4-2-3-1): Mazzini; Rota, Borri, Grassini, Imperiale; Luci, Pavone; Foresta, Pasciuti, Calderini; Infantino. A disp. Pulidori, Agyei, Murolo, Manzari, Caccavallo, Ermacora, Fortunati, Schirò, Cais, Piscopo. All. Baldini.

PIACENZA (4-3-3): Vettorel; Simonetti, Bruzzone, Battistini, Visconti; Corbari, Palma, Galazzi; Gonzi, Maio, Babbi. A disp. Stucchi, Martimbianco, Renolfi, Miceli, Corradi, Flores, Losa, Saputo, Lamesta, Siani, Ghislandi, Ballarini. All. Lunardon.

Arbitro: Francesco Carrione di Castellammare di Stabia. (Assistenti: Piatti/Lipari). IV ufficiale: Giovanni Agostoni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.