Quantcast

Il Pontedera passa al 93′ e beffa il Piacenza (1-0)

Più informazioni su

PONTEDERA – PIACENZA 1-0 (FINALE)

Magrassi al 93′

Una rete del Pontedera in pieno recupero condanna il Piacenza alla seconda sconfitta in altrettante gare di campionato. Una vera e propria beffa, considerato che fino a quel momento per quanto visto in campo erano proprio i biancorossi a poter recriminare: la squadra di Manzo aveva controllato bene la gara, fatta eccezione per i primi minuti della ripresa vissuti un po’ in affanno, andando in più di una occasione vicina al vantaggio e centrando un paio a 15 minuti dalla fine con Maio. Quando ormai la gara sembrava incanalata verso il pari, la rete di Magrassi che ha dato ai toscani i 3 punti. 

LA PARTITA – Manzo deve rinunciare a D’Iglio e Villanova e lancia dal primo minuto l’ultimo acquisto Gonzi, arrivato in settimana. Primo tempo in equilibrio e senza particolari sussulti, ma è il Piacenza a proporsi con più continuità in avanti. Il primo squillo dei biancorossi è al 10’, con la conclusione dalla distanza di Palma deviata in corner da Sarri; al quarto d’ora lo stesso Palma trova l’inserimento sul secondo palo di Gonzi, ma il colpo di testa è bloccato dall’estremo difensore del Pontedera, chiamato poi all’intervento sulla conclusione da fuori di Galazzi sugli sviluppi di un corner. Vibranti proteste del Piacenza poco dopo la mezz’ora, quando l’arbitro non concede il vantaggio dopo un fallo a centrocampo e ferma una pericolosissima ripartenza biancorossa con Pedone lanciato a rete. Poco dopo altra occasione sui piedi di Galazzi, che sfrutta una sponda di Babbi ma calcia sopra la traversa da ottima posizione. Mai pericoloso invece il Pontedera, con Vettorel chiamato a disimpegnarsi solamente in alcune uscite alte.

Pontedera Piacenza

Subito un cambio fra i padroni di casa al rientro dagli spogliatoi (Benassai prende il posto di Matteucci) e dopo tre minuti i toscani vanno vicinissimi al gol con Magrassi, che di testa non trova di poco la porta sul traversone dalla destra di Perretta. E’ un altro Pontedera in avvio di ripresa e ancora Magrassi prova la percussione conclusa con un tiro parato da Vettorel. I padroni di casa spingono e a differenza di quanto accaduto nel primo tempo è il Piacenza a doversi difendere. Al 60’ sono però i biancorossi a sfiorare il vantaggio: Sarri respinge la violenta conclusione di Palma, sul pallone va in tuffo di testa Babbi ma trova ancora la riposta del portiere del Pontedera. Vettorel in uscita disperata fuori area salva su Tommasini, poi la punizione di Caponi sfiora il palo.

Manzo inserisce Maio e Lamesta per Babbi e Gonzi, il Piacenza cresce e Sarri deve rispondere due volte a Palma. Al 76’ un errore della difesa del Pontedera lancia Maio che entra in area e supera Sarri in uscita con una conclusione che centra il palo. Quando ormai si aspetta solo il fischio finale, la beffa per il Piacenza: Catanese calcia forte dal limite dell’area, Vettorel non trattiene e Magrassi da due passi non ha difficoltà a ribattere in rete: è il gol partita che regala i tre punti al Pontedera e condanna il Piacenza alla seconda sconfitta consecutiva. 

Mercoledì si torna in campo per il turno infrasettimanale: al Garilli arriverà il Livorno. 

IL COMMENTO di Luigi Carini

Parlare di beffa è ancora riduttivo. La sconfitta del Piacenza a Carrara in casa del Pontedera maturata nell’ultimo minuto della gara è una profonda ingiustizia sportiva anche se, diciamolo subito, non ci sono colpevoli o dei responsabili. Solo sfortuna.
Resta la confortante prestazione della squadra di Manzo apparsa migliorata in tutti sensi, sia a livello tattico che nell’intensità di gioco. Purtroppo è riemersa la lacuna da tempo individuata, ovvero la mancanza di attaccanti di peso e capaci di trovare la porta. Se poi ci si mettono anche i pali allora tutto diventa difficile.
Il Piacenza avrebbe meritato di vincere semplicemente perché ha corso pochi pericoli con una difesa finalmente protetta (3-5-1) dai centrocampisti ed attenta e puntuale: le rare insidie portate dai locali sono state bravamente sventate dall’ottimo Vettorel il cui unico intervento difettoso è risultato fatale.
Il Piacenza è piaciuto perché, giocando a fisarmonica, sapeva chiudere bene gli spazi agli avversari e proporsi in azioni offensive in realtà un po’ timide nel primo tempo, ma assai più insistenti e convincenti nella ripresa.
Anche a livello di singoli le note sono più che positive: Palma ha giganteggiato a centrocampo e Bruzzone in difesa, ma attorno a loro , a cominciare da Pedone, tutti sono apparsi in netta crescita. Con il recupero degli assenti D’Iglio e Villanova e l’arrivo di un attaccante il Piacenza non dovrebbe avere difficoltà a disputare un campionato di tutta tranquillità.
Infine è piaciuto anche la personalità della squadra sempre propositiva e mai disposta a subire passivamente l’avversario che, in verità, è apparso piuttosto mediocre.
Dopo 2 giornate, dunque, il Piacenza è ancora a zero punti e mercoledì arriva il temuto e blasonato Livorno. Auguriamoci che questa ingiusta batosta non pesi troppo sul morale dei ragazzi e che riescano a trovare la forza per reagire.

Luigi Carini

LA DIRETTA

Finale a Carrara, vince il Pontedera di misura.

Al 93′ arriva il gol beffa del Pontedera con Magrassi. Approfitta di una respinta corta di Vettorel su tiro da fuori di Catanese.

All’85’ entra Miceli al posto di Palma. E al 90′ Flores per Corbari.

Finale di match coi biancorossi in forcing alla ricerca del gol.

Palo al 76′ del Piace: il neo entrato Maio ruba palla nella metà campo granata, si presenta davanti a Sarri il suo pallonetto colpisce il legno.

Occasione per i biancorossi al 75′ Corbari col destro impegna Sarri che devia in angolo.

Al 73′ arriva un doppio cambio nel Piacenza, esce Babbi al suo posto Maio, Gonzi lascia il posto a Lamesta.

Al 72′ Pontedera pericoloso, il destro di Caponi toccato dalla barriera e palla a lato di poco.

Al 64′ Vettorel esce fuori dai pali per anticipare Tommasini.

Al 59′ doppia occasione per il Piacenza, con una prima conclusione di Corbari parata da Sarri, sulla respinta Babbi gira e Sarri blocca ancora.

Reazione del Piace al 53′  Visconti mette la palla in mezzo all’area: deviazione di Babbi che colpisce la parte alta della traversa.

La ripresa si apre con una chance per i padroni di casa, al 49′ Perretta crossa in area, deviazione di testa di Magrassi sopra la traversa.

Pontedera Piacenza

Conclusi i primi 45 minuti, predominio del Piacenza sui padroni di casa nell’iniziativa di gioco.

Al 36′ prima vera occasione da gol per i biancorossi: un inserimento di Gonzi che calcia di sinistro di poco sopra la traversa.

Metà del primo tempo, biancorossi più intraprendenti in questa parte del match ma il Pontedera inizia ad affacciarsi in avanti.

AL 21′ primo angolo per il Pontedera, respinge Vettorel.

Piacenza ancora insidioso con Galazzi di testa viene, para Sarri al 16′.

Pressione del Piace che in tre minuti, tra 11′ e 13′, si guadagna tre corner.

Fase di studio per le due squadre nei minuti iniziali della partita.

Iniziato il match allo stadio dei Marmi.

Pontedera Piacenza

Si gioca a porte chiuse sul neutro di Carrara, in seguito all’indisponibilità dello stadio Ettore Mannucci”, che è oggetto di lavori al manto erboso.

La direzione del confronto è affidata a Dario Madonia di Palermo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.