Quantcast

Calano i reati denunciati a Piacenza (-521) Quattordicesimi in Italia per rapine in casa

Piacenza al 51esimo posto in Italia nella graduatoria delle province con più alto tasso di criminalità (denunciata). Con questo risultato scende di 4 posizioni rispetto alla classifica dell’anno precedente, nella quale si era collocata 47esima.

E’ quanto emerge dalla tradizionale indagine realizzata da “Il Sole 24 Ore” sull’indice di criminalità nel Bel Paese, ottenuto incrociando una serie di indicatori che tengono conto del numero di reati denunciati in rapporto alla popolazione residente (dati relativi al 2019 e forniti dal dipartimento di pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno). Omicidi, furti, rapine. Ma anche usura, estorsioni, incendi, truffe e frodi informatiche. Sono alcune delle tipologie di reato prese in considerazione dal quotidiano economico per definire la graduatoria delle provincie più criminose.

Andando nel dettaglio, si scopre che la 51esima posizione di Piacenza si lega a un totale di 8.948 denunce nell’ultimo anno (l’anno prima erano state 9469), per un rapporto reati denunciati/popolazione pari a 3.115,2. Nella nostra città, il maggior numero di denunce in senso assoluto lo si trova alla voce “furti” (4047), a cui fanno seguito le 917 denunce per furti in abitazione e le 725 per truffe e frodi informatiche. 218 le denunce legate alla droga e 135 ai reati di spaccio (in questo caso siamo 24esimi nella singola classifica). Piacenza è poi al 51esimo posto nella classifica delle rapine (con 70 denunce) e al 14esimo in quella delle rapine in casa (12 denunce). Per i reati connessi a violenze sessuali siamo al 16esimo posto in classifica, con 31 denunce, mentre – con 2 denunce – 32esimi in quella degli omicidi volontari.

La voce più penalizzante nella singola classifica, anche se si registra una sola denuncia, è quella relativa agli infanticidi: Piacenza in questo caso è addirittura al primo posto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.