“Piacenza provincia attraente, snodo e eccellenza in Regione”

Dagli autovelox 375mila euro per la manutenzione straordinaria delle strade in provincia. E’ questo uno dei punti principali della variazione di bilancio approvata ieri all’unanimità dal consiglio provinciale, riunitosi nel pomeriggio del 30 settembre.

Sono state inoltre stanziati 100mila euro per la progettazione della ciclovia Vento, che andrà ad unire Caorso a Cremona. Un’opera dal costo complessivo di un milione e 100mila euro, di cui 500mila erogati dalla Regione grazie ai fondi Covid. Altre opere (da 190mila euro) riguardano la manutenzione del cavalcaferrovia di Fiorenzuola, così come altri 125mila sono previsti per interventi e controlli sugli edifici scolastici. In un quadro di grande incertezza, ha detto il presidente della Provincia Patrizia Barbieri, per quanto riguarda le ripercussioni sulle casse dell’ente vista la crisi economica, in attesa dei trasferimenti statali a compensazione (la quantificazione è attesa per novembre), l’ente di corso Garibaldi non rinuncia a voler svolgere un ruolo strategico per il territorio, nonostante le limitazioni introdotte dalla riforma Delrio.

“Vogliamo ricostruire la Provincia, garantire la sua capacità operativa e presidiare il raccordo tra il territorio provinciale e la Regione – ha detto Barbieri, nel presentare il documento unico di programmazione dell’ente -, in grado di essere una ‘Provincia 4.0’, utilizzando le tecnologie digitali per migliorare l’azione amministrativa e essere più vicino ai territori e ai cittadini. Saremo la ‘Casa dei Comuni”, costruendo una prospettiva strategica per il territorio, con la programmazione di area vasta e il sostegno alla montagna, investendo sul captale territoriale. Questo significa qualificare il sistema formativo, migliorare le nostre scuole, sostenere la parità tra i generi”.

Nei primi 8 mesi del 2020 la Provincia ha eseguito e portato a termine lavori per oltre 5 milioni di euro (in gran parte lungo le strade) e sono già avviati altri interventi per 13 milioni di euro (in questo caso ad essere prevalente è l’edilizia scolastica), e altre opere per complessivi 18 milioni di euro devono ancora partire. Tra questi figura il ponte di Castelvetro, la cui manutenzione straordinaria vede un impegno di spesa di oltre 7 milioni di euro.

Durante la seduta del 30 settembre è stato dato il via libera al documento preliminare per l’elaborazione del piano territoriale di area vasta, che sostituirà il vecchio Ptcp che risale al 2000. Gli obiettivi strategici individuati dall’amministrazione provinciale sono 5: mettere la qualità dei centri urbani come tratto identitario, risorsa per lo sviluppo, rendere il territorio più competitivo, perché sostenibile, resiliente, sicuro, valorizzare e sostenere le diversità del territorio, fra montagna, collina e pianura, cogliere le opportunità della transizione digitale e sostenere una mobilità efficiente, integrata e sicura. L’obiettivo è, ha detto Barbieri, “rendere Piacenza una Provincia attraente, snodo ed eccellenza nel sistema padano”.

Infine via libera alla modifica dello statuto di Asp Città di Piacenza, prevedendo così la possibilità che l’azienda di servizi possa occuparsi di attività a sostegno della socializzazione e aggregazione dei giovani. Su questo punto il consigliere dei Liberali, Antonio Levoni, ha espresso voto contrario, avanzando obiezioni sul fatto che questa modifica non sia coerente rispetto ai compiti di Asp, che si occupa prevalentemente di anziani e soggetti fragili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.