Tagliaferri (FdI) “La Lombardia chiude? Evitare boom di frontalieri verso Piacenza”

Ordinanze e norme antiCoronavirus omogenee e condivise in modo da evitare che le ‘chiusure’ decise dalla Regione Lombardia comportino maggiore afflusso di persone in Emilia-Romagna, con conseguente aumento della possibilità di contagi.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere piacentino Giancarlo Tagliaferri (Fdi), che ricorda come “il fatto che sarà sufficiente attraversare il ponte sul Po per recarsi nei centri piacentini della grande distribuzione e, più diffusamente, emiliano-romagnoli, il rischio di assembramenti dovuti all’ansia o alla necessità di shopping, in un momento delicato contraddistinto dall’innalzamento della curva del contagio, è dietro l’angolo”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’amministrazione regionale “se intenda creare maggiore coinvolgimento e soprattutto maggiore omogeneità fra tutti i soggetti interessati affinché vengano limitate le occasioni di contagio, valutando in anticipo quali possano essere gli effetti sulla salute dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.