Tagliaferri (FdI) “Serve un piano nazionale per la tutela delle persone fragili”

La Regione si faccia promotrice di un piano nazionale per la messa in sicurezza delle persone fragili al fine di contenere la seconda ondata della pandemia da Coronavirus.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere piacentino Giancarlo Tagliaferri (Fdi), che ricorda come si debba preservare la possibilità dei lavoratori di recarsi in ufficio e fabbrica e agli studenti di andare a scuola. Forte dell’esperienza del lockdown della scorsa primavera, il consigliere sottolinea come la gravità del numero dei contagi faccia prevedere nuove restrizioni e quindi si debba operare prima di tutto per tutelare anziani, disabili e malati.

Da qui l’atto ispettivo per sapere se l’amministrazione regionale “intenda formulare in Conferenza Stato Regioni una proposta al governo nazionale che preveda un ‘Programma per la messa in sicurezza delle persone fragili’, i cui contenuti salienti della proposta sono l’individuazione di ‘target della fragilità’ atti, oltre a garantire protezione e tutela sanitaria, anche a scongiurare ulteriori danni economici e sociali derivanti da misure non sufficientemente funzionali al contrasto della diffusione del Covid-19 e la definizione di un piano di azioni funzionale a contrastare il rischio di contagio a sostegno delle persone fragili che necessitano di supporto nelle necessità quotidiane. La proposta dovrà inoltre contenere misure per l’impatto sociale ed economico che scaturiranno da tale provvedimento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.