“Un milione per le attività di artigiani e commercianti di 16 Comuni del piacentino”

Più informazioni su

Circa un milione di euro per le attività di artigiani e commercianti di 16 Comuni del Piacentino facenti parti delle cosiddette “aree interne”: è quanto ha recentemente stanziato il governo con un DCPM, che aumenta gli aiuti previsti per queste categorie già nel Decreto Rilancio dello scorso maggio.

Lo annunciano i parlamentari locali del M5S Davide Zanichelli, Maria Edera Spadoni, Maria Laura Mantovani e Gabriele Lanzi: “Questo significa – spiegano – che artigiani e commercianti di comunità molto piccole come Zerba e Corte Brugnatella o quelli di paesi di dimensioni maggiori come Vernasca o Bettola possono oggi contare, se rispondono a determinati requisiti, su aiuti più consistenti di quelli originariamente previsti. Un altro segnale concreto da parte dell’esecutivo della volontà di dare una mano a chi può soffrire maggiormente delle conseguenze della pandemia Covid”.

Per poter accedere agli aiuti del Fondo di sostegno per le aree interne (che a livello nazionale riguarda oltre 3mila Comuni per un importo complessivo di 210 milioni di euro) gli artigiani e commercianti devono svolgere la propria attività nei Comuni interessati, avere regolare iscrizione al registro delle imprese e non trovarsi in condizione di fallimento o liquidazione (né esser soggetti a procedure fallimentari o di concordato preventivo). I fondi possono essere utilizzati per contributi a fondo perduto per le spese di gestione o per investimenti di ampliamento, rinnovamento, ristrutturazione. Il sostegno viene erogato nel corso di tre annualità (2020, 2021 e 2022), di cui la prima è la più corposa.

Per fare qualche esempio, agli artigiani e commercianti del Comune di Agazzano sono destinati 88mila euro complessivi, a quelli di Morfasso 56mila euro, a quelli di Gropparello 94mila euro. “Si tratta di cifre apparentemente modeste –  sottolineano gli esponenti pentastellati -, ma che per le attività nei piccoli Comuni possono fare una grande differenza. Invitiamo perciò i Comuni ad attivarsi per indirizzare l’assegnazione di questi fondi aggiuntivi per le loro realtà. Mentre c’è chi cavalca il malcontento, il Movimento 5 Stelle e il Governo realizzano misure concrete con particolare riguardo per le aree in maggiore difficoltà”.

I COMUNI COINVOLTI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.