Il Piacenza cade al Garilli, la Pro Patria cala il tris (0-3)

Più informazioni su

Dopo tre risultati utili consecutivi, il Piacenza cade pesantemente al Garilli davanti alla Pro Patria: finisce 3-0 per gli ospiti, che hanno cambiato marcia dopo un primo tempo equilibrato. Forse troppo pesante il passivo a danno dei biancorossi, con due delle tre reti arrivate nel finale, che sono però apparsi in difficoltà per buona parte della gara e quasi mai sono stati pericolosi in avanti. L’ingenuità costata il vantaggio della Pro Patria ha spianato la strada alla squadra di Javorcic che ha controllato senza troppi patemi la contesa siglando altri due gol nei minuti conclusivi. Un deciso passo indietro per la squadra di Manzo.

LA PARTITA – Nel Piacenza è il giovane Saputo a prendere il posto in difesa dello squalificato Bruzzone, in avanti rientra Corradi con Ghisleni che affianca Gonzi, miglior marcatore finora dei biancorossi. Gara equilibrata, poche emozioni, e tanti errori da una parte e dall’altra nel primo tempo. Vettorel deve disimpegnarsi sui corner insidiosi calciati da Le Noci, ma quasi sempre si tratta di ordinaria amministrazione; il numero uno biancorosso è però attento sul sinistro di Galli, favorito da uno svarione difensivo di Saputo. Il Piacenza si vede poco, Palma ci prova dalla distanza senza inquadrare la porta e l’unico brivido per gli ospiti arriva sulla bella sponda di Corbari per Ghisleni che in piena area non trova il pallone.

Non ci sono cambi al rientro in campo e sono subito brividi per il Piacenza: una conclusione di Galli, deviata, finisce sui piedi dell’ex Nicco a due passi da Vettorel, decisiva la chiusura in extremis di Galazzi che salva letteralmente i suoi. Parte meglio la Pro Patria, Vettorel deve allungarsi per deviare la conclusione dal limite Fietta, ma poco dopo non può nulla: Gonzi perde palla a centrocampo, Pizzul lancia Latte Lath che si invola e batte il portiere biancorosso. Piacenza sotto. Ci si aspetta una risposta della squadra di Manzo, che non arriva. Entra Maritato, che va vicino al pari con una spettacolare girata sugli sviluppi di un corner, poi Babbi e Lamesta vanno a completare in corsa il restyling del reparto offensivo. In realtà succede poco, nel finale Pedone ha sulla testa la palla buona per il pari ma manda alto, mentre dall’altra parte Bertoni non sbaglia: il suo destro da fuori area su una respinta della difesa chiude la partita. In pieno recupero fa festa anche Ferri, appena entrato.

Domenica prossima per i biancorossi trasferta ad Alessandria.

DI BATTISTA “PASSO INDIETRO, RISULTATO CHE FA MALE” -Delusione, come naturale in casa Piacenza nel post partita. “E’ stata una prestazione sotto tono, una partita difficile contro un’avversario ostico, organizzato e bravo a non farti giocare – le parole nel post partita del responsabile dell’area tecnica Simone Di Battista -. Davanti non siamo riusciti ad essere pericolosi, abbiamo fatto bene fino a metà campo senza trovare sbocchi nelle uscite. Peccato, perchè un risultato così pesante fa male. E’ stato un passo indietro, cercheremo di farci trovare pronti per la trasferta di Alessandria”.

“Ci sono delle cose da mettere a posto – l’analisi del vice allenatore Lunardon, anche oggi in panchina al posto di Manzo -, in generale ci si aspettava una risposta forte da parte di tutti dopo che non si era giocato sabato; dobbiamo metterci in discussione, io per primo, e lavorare”.

L’OBIETTIVO RIMANE LA SALVEZZA – Il COMMENTO di Luigi CariniNon è il miglior Piacenza quello che incontra la Pro Patria, squadra esperta e ben quadrata. Almeno per un tempo i biancorossi (oggi stranamente in maglia nera lasciando il rosso con banda bianca agli ospiti) non riescono ad impegnare una sola volta il portiere avversario. L’attacco più prolifero del campionato non è ben sostenuto dai centrocampisti, impegnati più in azioni di copertura che di proiezioni offensive con un Palma stranamente abulico ed un Corradi a luce intermittenti con gli esterni scarsamente propositivi.

D’altronde nel calcio, si sa, si fa anche quello che ti permette l’avversario; in questo caso la Pro Patria concede pochi spazi di manovra e quando all’inizio di ripresa forza i tempi il gol di Latte Lath diventa una logica conseguenza. Neppure la reazione dopo lo svantaggio è convincente e si limita a qualche cross in area avversaria e proprio su uno di questi allo scadere arriva l’occasione più ghiotta per pareggiare, ma il colpo di testa di Pedone finisce alto. Siccome nel calcio il gol sbagliato significa gol subito, ecco pochi istanti dopo il raddoppio e quindi il triplete.
 Neppure i cambi hanno dato l’effetto sperato (anche se Lamesta andava messo prima) a conferma che quella di oggi si è trattata di una giornata grigia, anche se il risultato finale penalizza eccessivamente i ragazzi di Manzo smorzando, forse, gli eccessivi entusiasmi suscitati in precedenza.

Ed allora sarà d’uopo richiamare tutti alla realtà che vede la squadra biancorossa di un livello certamente inferiore alle squadre di medio alto livello e che la battaglia per la salvezza, evitando i play out, rimarrà il nostro obiettivo. 
Sorprende, invece, il calo di condizione e gli eccessivi errori da parte dei singoli. Auguriamoci che non sia un segnale preoccupante.


SERIE C – 10^ GIORNATA

PIACENZA – PRO PATRIA 0-3

(55′ Latte Lath, 88′ Bertoni, 93′ Ferri)

Piacenza: Vettorel; Simonetti, Battistini, Saputo, Visconti; Corbari, Palma (62′ Miceli), Galazzi (54′ Pedone); Corradi (76′ Lamesta), Gonzi (76′ Babbi); 24 Ghisleni (54′ Maritato). A disposizione: Anane, Martimbianco, Renolfi, D’Iglio, Losa, Villanova, Ballarini. All. Lunardon.

Pro Patria: Greco, Gatti, Lombardoni, Boffelli; Cottarelli, Nicco (92′ Ferri), Fietta (62′ Bertoni), 3 Galli (67′ Brignoli), Pizzul; Latte Lath (67′ Parker), Le Noci (92′ Castelli). A disposizione: Mangano, Compagnoni, Saporetti, Spizzichino, Colombo, Di Lernia. All. Sala.

ARBITRO: Luca Cherchi di Carbonia (Edoardo Federico Cleopazzo della Sezione di Lecce e Gianluca Matera della Sezione di Lecce. Quarto Ufficiale Niccolò Turrini della Sezione di Firenze).

Angoli: 2 – 4.
Recupero: 2′+5′
Ammoniti: Galli, Gatti, Cottarelli (Pro Patria); Gonzi, Maritato (Piacenza).

LA CRONACA

Triplice fischio: la Pro Patria batte il Piacenza 3-0, decidono nella ripresa le reti di Latte Lath, Bertoni e Ferri

93′ – Terza rete per la Pro Patria: Ferri appena entrato sfrutta un colpo di tacco in area di Castelli e batte Vettorel

88′ – Raddoppio Pro Patria: Bertoni arriva su una respinta dalla difesa e fa partire una conclusione da fuori area sulla quale Vettorel non arriva

87′ – Occasione per il Piacenza con Pedone, colpo di testa alto di poco

76′ – Nel Piacenza dentro Lamesta e Babbi per Corradi e Gonzi

73′ – Spettacolare girata di Maritato sugli sviluppi di un corner, palla a lato non di molto

67′ – Doppio cambio nella Pro Patria: dentro Brignoli e Parker per Galli e Latte Lath

62′ – Nella Pro Patria Bertoni prende il posto di Fietta, nel Piacenza esce Palma per Miceli

55′ – Pro Patria in vantaggio: Gonzi perde palla a centrocampo, Pizzul lancia Latte Lath che si invola e batte Vettorel

54′ – Fietta recupera un pallone e calcia dal limite, ancora attento Vettorel

53′ – Nel Piacenza esce Ghisleni per Pedone, mentre Maritato prende il posto di Galazzi

52′ – Battistini insacca su un pallone rimesso in area da Saputo, ma viene segnalato un fuorigioco

50′ – Cottarelli calcia da fuori area, deviazione in corner di Vettorel

46′ – Subito la Pro Patria vicinissima al vantaggio: una conclusione di Galli deviata libera Nicco a due passi da Vettorel, chiusura provvidenziale di Galazzi che salva il Piacenza

Via alla ripresa: nessun cambio tra i 22 in campo

Fine primo tempo: 0-0 al Garilli dopo la prima frazione tra Piacenza e Pro Patria. Gara bloccata e poche emozioni

45′ – Bella palla in verticale di Le Noci per Latte Lath, esce di pugno Vettorel che anticipa l’attaccante ivoriano. Due minuti di recupero

42′ – Pasticcio in difesa del Piacenza, brutta palla giocata da Battistini con Latte Lath che per poco non anticipa Saputo in piena area

40′ – Gonzi ci prova con il destro, pallone deviato in corner: nulla di fatto dal successivo tiro dalla bandierina

35′ – Una deviazione su un traversone di Visconti favorisce Corbari, anticipato in uscita bassa da Greco

34′ – Secondo giallo della gara per la Pro Patria: ammonito Galli per un fallo su Simonetti

30′ – Gatti stende Gonzi e viene ammonito

23′ – Fietta trova l’inserimento sulla destra di Cottarelli, cross di prima che attraversa tutta l’area e si perde sul fondo

21′ – Corner insidioso a rientrare calciato da Le Noci, Vettorel respinge; sullo sviluppo dell’azione ancora Le Noci va al traversone, nuova uscita dell’estremo difensore biancorosso

19′ – Latte Lath controlla di petto in area e gira verso la porta, conclusione a lato

17′ – Occasione Pro Patria: uno svarione di Saputo favorisce Galli che va al tiro di sinistro, Vettorel respinge di piede

13′ – Gonzi serve con un traversone Corbari sul secondo palo, sponda di testa per Ghisleni che non trova il pallone

12′ – Prima conclusione del Piacenza: è Palma ad andare al tiro dalla lunghissima distanza, pallone fuori

11′ – Galli arriva su un pallone in area e prova a crossare verso il centro, palla bloccata a terra da Vettorel

9′ – Corradi serve involontariamente Latte Lath, che prova il tiro respinto dalla difesa biancorossa

5′ – Primo corner della gara per la Pro Patria, respinge di pugno Vettorel

1′ – Fischio d’inizio al Garilli, palla al Piacenza

Piacenza-Pro Patria

Formazioni

Piacenza: Vettorel, Corradi, Palma, Battistini, Corbari, Saputo, Ghisleni, Galazzi, Gonzi, Visconti, Simonetti. A disposizione: Anane, Martimbianco, Renolfi, Miceli, D’Iglio, Pedone, Maritato, Losa, Lamesta, Babbi, Villanova, Ballarini. Allenatore: Manzo (in panchina Lunardon)

Pro Patria: Greco, Galli, Gatti, Cottarelli, Le Noci, Boffelli, Pizzul, Fietta, Lombardon, Nicco, Latte Lath. A disposizione: Mangano, Compagnoni, Saporetti, Brignoli, Parker, Bertoni, Spizzichino, Colombo, Di Lernia, Ferri, Castelli. Allenatore: Javorcic (in panchina Sala).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.