Camere di Commercio, pressing della Regione sugli accorpamenti

Lunedì prossimo, 16 novembre, è convocato al Ministero dello Sviluppo Economico un Tavolo della Conferenza delle Regioni e Province autonome sulla complessa vicenda della riorganizzazione delle Camere di Commercio, che in Emilia-Romagna riguarda gli accorpamenti di Ravenna e Ferrara da un lato, e Piacenza, Parma e Reggio Emilia dall’altro.

Lo ha annunciato l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla, che con formale richiesta aveva sollecitato in mattinata il ministro Stefano Patuanelli, il quale lo ha rassicurato a breve giro di posta dando così anche seguito alla mozione approvata all’unanimità in sede di Commissione Bilancio del Senato. L’assessore Colla aveva segnalato al Governo “l’ormai insostenibile situazione delle Camere di commercio di Parma, Reggio Emilia, Ferrara e Ravenna, che si trovano con gli organi decaduti dal 13 settembre”.

“In questo periodo – aggiunge Colla – segnato da gravi difficoltà per le imprese e le economie dei nostri territori, abbiamo necessità che tutte le Camere di commercio possano tornare a essere pienamente operative. Chiediamo, quindi, di avviare la procedura per la nomina dei Commissari, anticipando fin d’ora il parere favorevole della Regione Emilia-Romagna nel caso la scelta ricada sui presidenti uscenti. Questi enti sono fondamentali per supportare in questo momento la ripartenza post Covid, l’occupazione e il sostegno al lavoro e alle imprese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.