Commercio, Tagliaferri (FdI) “Aprire i negozi alla domenica”

“Il Sottosegretario Davide Baruffi ha chiaro che per ogni posto di lavoro (precario e sfruttato) in una piattaforma del commercio digitale se ne perdono due (stabili e degni) nel vero mondo del commercio? Speriamo che lo ignori perché altrimenti non si spiegherebbe perché si ostini a negare ai nostri commercianti il diritto di lavorare come ha fatto martedì scorso in Assemblea legislativa ostinandosi nell’errore di non ritirare l’ordinanza Bonaccini che ha inasprito le già rigide norme nazionali in fatto di commercio. Badate bene: non chiediamo deroghe, ma semplicemente di applicare le leggi statali e di non scaricare su cittadini e imprese il braccio di ferro tra la Regione e il premier Conte”.

Così Giancarlo Tagliaferri, consigliere regionale piacentino di Fdi, fa “proprio e rilancia l’allarme di Federmoda Confcommercio che, in attesa della decisione delle Regione sul divieto prevista entro domani, dipinge il caos che sta vivendo il settore del commercio”. “Il Black friday si sta trasformando per tanti in un gioco al massacro. Con i confini tra comuni chiusi dal Dpcm del governo, e l’ordinanza regionale che obbliga alla chiusura i negozi nella giornata della domenica, i grandi colossi a partire da Amazon hanno vita facile nel monopolizzare le vendite del periodo. In una simile situazione diventa fondamentale, almeno procedere con l’apertura dei negozi alla domenica. In effetti l’ordinanza di divieto imposta dalla Regione aveva scadenza il 3 di dicembre, ma una settimana fa la Regione ha deciso di anticiparne la scadenza al 27 di novembre”, attacca Tagliaferri che invita la Regione ad assumersi le proprie responsabilità, “a correggere gli errori fatti e a permetterebbe a i negozi di aprire già da questa domenica, mentre le strutture con una metratura superiore a 250 (ma non centri commerciali) potrebbero aprire anche domani”.

Inoltre, Tagliaferri chiede interventi a sostegno dei piccoli negozi: “Da settimane ormai i negozi dei vari centri in provincia stanno facendo promozioni con sconti che superano anche il 50%. I negozi devono rifornirsi almeno otto mesi prima. Significa che devono spendere, sperando di incassare poi. Non si può fare altrimenti. Nei prossimi giorni arriveranno le scadenze da pagare. Per questo, un appello anche agli istituti di credito del territorio. Non chiediamo di mettersi una mano sul cuore come ha detto il premier Conte, ma che vengano incontro alle attività e aumentino i fidi”. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.