Assolto in appello il soldato ucraino accusato della morte del fotoreporter Rocchelli

La Corte d’Assise d’appello di Milano ha assolto Vitaly Markiv, italo-ucraino ed ex soldato della Guardia nazionale ucraina, imputato per l’omicidio di Andy Rocchelli.

Rocchelli, 30 anni, era un fotoreporter del collettivo indipendente Cesura, che ha sede a Pianello in Valtidone (Piacenza). Stava realizzando un reportage nel Donbass, zona dell’Ucraina occupata dai separatisti filorussi, quando fu ucciso da colpi di mortaio il 24 maggio 2014, insieme all’interprete Andrej Mironov.

Markiv, assolto per non aver commesso il fatto, è stato scarcerato. In primo grado condannato a 24 anni di carcere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.