Murelli (Lega) “Va rivisto il sistema malato degli appalti per salvare l’occupazione”

Più informazioni su

«Resto in attesa degli sviluppi per Servizi Italia, ma nella risposta data al sottosegretario al Lavoro ho rimarcato l’importanza di rivedere il sistema malato degli appalti che consentirebbe di abbassare i prezzi ed evitare il dumping salariale. Gli appalti, poi, andrebbero rinegoziati anche usando le linee guida stabilite da Anac».

Lo afferma la deputata piacentina della Lega, Elena Murelli, dopo la risposta del ministero del Lavoro a una sua interrogazione sull’azienda di Podenzano (tra l’altro ha l’appalto per la lavanderia dell’ospedale) che annunciato il trasferimento dello stabilimento a Castellina di Parma, a 47 chilometri. Una scelta – evidenzia Murelli – che metterebbe in difficoltà molti lavoratori e, soprattutto, lavoratrici che non sarebbero in grado di fare i pendolari.

Il sottosegretario Francesca Puglisi ha risposto a Murelli di aver contattato la Regione, che segue la vertenza con la Provincia e il Comune di Podenzano. Le istituzioni locali hanno «chiesto alla proprietà di chiarire che non si tratta di un licenziamento mascherato ed hanno espresso la preoccupazione che il trasferimento provochi comunque delle ricadute negative al territorio» scrive il ministero.Una richiesta avvenuta in occasione dell’incontro del 24 novembre in Regione. A Servizi Italia è stato chiesto «quali siano gli strumenti che l’azienda intende mettere in campo per agevolare i trasferimenti, orari e spese di trasferta, per aiutare i lavoratori che non accettino di trasferirsi con azioni di ricollocamento nel territorio e di accompagnamento per coloro che sono prossimi al pensionamento». Il Governo ha assicurato, infine, che «continuerà a monitorare i futuri sviluppi della vicenda» per eventuali criticità e nell’ottica di poter arrivare a un accordo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.