Piace, ad Alessandria il secondo ko consecutivo: Arrighini affonda i biancorossi (2-0)

Più informazioni su

Seconda sconfitta consecutiva in pochi giorni per il Piacenza, che dopo il ko interno contro la Pro Patria, cade anche sul campo dell’Alessandria. Al “Moccagatta” decide la doppietta di Arrighini: passati in svantaggio nel finale della prima frazione, i biancorossi hanno fallito subito dopo il pari con Gonzi senza riuscire poi a rendersi pericolosi nel secondo tempo: il raddoppio dopo 20 minuti dei padroni di casa ha di fatto chiuso la gara.

LA PARTITA – A distanza di oltre un mese Manzo, guarito dal Covid, può finalmente tornare in panchina e ritrova Bruzzone in difesa dopo il turno di squalifica. Out Maio e Visconti, quest’ultimo sostituito da Renolfi, il tecnico lascia in panchina sia Babbi che Maritato con Corradi e Lamesta che vanno a comporre con Gonzi il reparto offensivo.

La gara non inizia al meglio per i padroni di casa: l’estremo difensore Pisseri resta coinvolto in un violento scontro con il compagno di squadra Cosenza e rimane a terra a lungo prima di rientrare con una vistosa fasciatura al capo, poco dopo Gregucci è costretto a sostituire Prestia per un problema muscolare inserendo Blondett. La prima frazione rimane a lungo bloccata, qualche brivido in casa Piacenza per l’incornata di Eusepi, di poco alta, poi Vettorel respinge in qualche modo la botta di Casarini e la difesa è brava a stoppare la ribattuta quasi a colpo sicuro di Blondett. La gara si accende nel finale di tempo, quando la retroguardia biancorossa si fa sorprendere dalla palla in verticale di Casarini che lancia in porta Arrighini: l’attaccante dribbla Vettorel in uscita e deposita in rete a porta vuota per il vantaggio dei grigi. Il Piacenza non ci sta e sfiora subito il pari con Gonzi, che si ritrova il pallone buono in piena area dopo uno svarione di Cosenza ma calcia troppo centrale ed esalta i riflessi di Pisseri. Troppo poco però per i biancorossi, quasi mai pericolosi in avanti.

Nessun cambio al rientro in campo, per diversi minuti non accade nulla e le uniche annotazioni sui taccuini riguardano le sostituzioni. Nel Piacenza Corbari e Siani prendono il posto di Pedone e Corradi, ma subito dopo l’Alessandria raddoppia: Rubin, da poco entrato, fa partire un traversone dalla sinistra verso il centro dell’area dove ancora Arrighini sorprende la difesa biancorossa, tutt’altro che impeccabile, e realizza di testa il suo secondo gol di giornata. E’ la rete che di fatto chiude la partita, Manzo manda in campo anche Maritato, D’Iglio e Ballarini, ma i suoi non porteranno mai alcun pericolo dalle parti di Pisseri.

Il Piacenza scivola in piena zona playout: sabato prossimo al Garilli arriverà il Novara.

UNA SCONFITTA PREOCCUPANTE – Il COMMENTO di Luigi CariniLa seconda sconfitta consecutiva ha motivi davvero preoccupanti; non solo per la classifica, che si è fatta precaria, ma per la prestazione ancora una volta deludente che schiude a valutazioni poco confortanti e così contrastanti con quelle iniziali.
 Ancora una volta i biancorossi (oggi solo bianchi) hanno chiuso i 90’ senza impegnare una sola volta il portiere avversario; ancora una volta non si è vista una manovra convincente e filtrante; ancora una volta è emersa l’assoluta incapacità di costruire un gioco offensivo.
 Manzo (ritornato felicemente in panchina dopo la parentesi covid) le ha provate tutte alternando praticamente tutti gli uomini a disposizione senza che cambiasse la sostanza. E dire che l’avversario era tutt’altro che trascendentale. 


Anche l’analisi della squadra non è di facile lettura: si può dire che il materiale umano a disposizione non è di alto livello, in questo modo si spiegano i numerosi errori da parte dei singoli. A nostro avviso la posizione in cui gioca abitualmente il regista Palma è troppo arretrata e, di conseguenza, l’azione di rimessa nasce con troppi passaggi laterali o improbabili lanci verso l’area avversaria facendosi lenta, prolissa e prevedibile. Rinunciare ad una punta fissa nel centro dell’attacco può essere anche una sorpresa ed un’arma tattica, sempre che gli esterni siano sostenuti adeguatamente, cosa che da qualche tempo non avviene. Quindi resta la totale incapacità di costruire un’azione sulla trequarti che possa finalizzarsi in area, limitando gli schemi ad inutili cross facile preda delle difese avversarie.


Eppure, al Moccagatta, gli inizi non erano stati disprezzabili; poi, però, la squadra è andata lentamente spegnendosi, specie dopo aver preso il primo gol nel quale i difensori, portiere in primis, hanno collezionato errori da principianti. Così come il secondo, preso in contropiede con l’attaccante libero di colpire di testa ad un paio di metri dalla porta. 
In complesso una partita da cui si può trarre una preziosa lezione. C’è indubbiamente qualcosa da rivedere nello schieramento tattico e nelle scelte degli interpreti prima che subentri il nervosismo ed una certa rilassatezza. La reazione deve essere immediata: già con il Novara (prossimo avversario) ci auguriamo di vedere un altro Piacenza.


ALESSANDRIA – PIACENZA 2-0

(42′, 63′ Arrighini)

Alessandria: Pisseri; Bellodi, Cosenza, Prestia (12′ p.t. Blondett); Parodi, Casarini, Castellano (12′ s.t. Sulijc), Di Quinzio (35′ s.t. Steijepovic), Celia (12′ s.t. Rubin); Arrighini (35′ s.t. Chiarello), Eusepi. A disposzione: Crisanto, Crosta, Macchioni, Mora, Poppa). Allenatore: Gregucci

Piacenza: Vettorel; Simonetti, Bruzzone, Battistini, Renolfi; Pedone, Palma (17′ s.t. Corbari), Galazzi (dal 25′ s.t. Maritato); Corradi (17′ s.t. Siani); Gonzi (25′ s.t. D’Iglio), Lamesta (30′ s.t. Ballarini). A disposizione: Anane, Martimbianco, Miceli, Losa, Saputo, Babbi, Ghisleni). Allenatore: Manzo

Ammoniti: Pedone (Piacenza), Blondett (Alessandria)

LA CRONACA

93′ – Triplice fischio al “Moccagatta”: l’Alessandria supera il Piacenza per 2-0 grazie alla doppietta di Arrighini

90′ – Tre di recupero, partita che non ha più nulla da dire

79′ – Nell’Alessandria Chiarello e Stijepovic prendono il posto di Di Quinzio e Arrighetti

75′ – Nuovo cambio Piacenza: fuori Lamesta, dentro Ballarini

74′ – Maritato colpisce di testa un pallone su traversone di Renolfi, nessun problema per Pisseri

70′ – Altri due cambi per il Piacenza: entrano Maritato e D’Iglio per Gonzi e Galazzi

63′ – Raddoppio Alessandria: colpo di testa di Arrighini che sfrutta un traversone dalla sinistra di Rubin e insacca

62′ – Cambi anche nel Piacenza: fuori Pedone e Corradi, dentro Corbari e Siani

57′ – Primi cambi per l’Alessandria: Rubin sostituisce Celia, mentre Sulijic prende il posto di Castellano

Via alla ripresa, nessun cambio fra i 22 in campo

48′ – Fine primo tempo: Alessandria in vantaggio al termine dei primi 45′ di gioco, decide fin qui la rete di Arrighini

46′ – Doppia occasione per il Piacenza in pochi secondi: Gonzi si ritrova il pallone del pari in piena area ma calcia centrale e Pisseri alza in corner: sugli sviluppi del tiro dalla bandierina va alla conclusione da fuori Palma, palla a lato

42′ – Alessandria in vantaggio: un lancio in verticale sorprende la difesa biancorossa e favorisce Arrighini che entra in area, scarta Vettorel e deposita in rete a porta vuota

38′ – Alessandria pericolosa: botta di Casarini dalla distanza, Vettorel respinge di pugno in qualche modo, sulla ribattuta arriva Blondet ma la sua conclusione è respinta dalla difesa

30′ – Ci prova Casarini su punizione da fuori area, conclusione altissima

22′ – Occasione Alessandria: Eusepi stacca di testa su un corner dalla sinistra, palla alta

20′ – Bella giocata di Lamesta che cerca Gonzi con un cross, esce il portiere e anticipa l’attaccante biancorosso

12′ – Subito un cambio per l’Alessandria: problemi per Prestia, sostituito da Blondett

7′ – Bella azione dell’Alessandria che libera Arrighini in ottima posizione: la sua conclusione è ribattuta da un biancorosso

6′ – Rimane in campo l’estremo difensore di casa, che gioca con una vistosa fasciatura al capo

3′ – Cross basso di Lamesta dalla destra, esce Pisseri che si scontra violentemente con il compagno di squadra Cosenza: sanitari in campo

1′ – Via alla gara, palla al Piacenza

Alessandria-Piacenza

Formazioni

Alessandria: Pisseri, Celia, Cosenza, Parodi, Castellano, Eusepi, Di Quinzio, Arrighini, Prestia, Casarini, Bellodi. A disposizione: Crisanto, Chiarello, Stijepovic, Blondett, Crosta, Macchioni, Sulijic, Mora, Poppa, Rubin. Allenatore: Gregucci.

Piacenza: Vettorel, Renolfi, Bruzzone, Pedone, Corradi, Palma, Battistini, Lamesta, Galazzi, Gonzi, Simonetti. A disposizione: Anane, Martimbianco, Miceli, D’Iglio, Corbari, Maritato, Losa, Saputo, Babbi, Siani, Ghisleni, Ballarini. Allenatore: Manzo

Si gioca regolarmente la gara di campionato tra Alessandria e Piacenza: i tamponi eseguiti a seguito delle positività al virus SARS-CoV-2 riscontrate nel gruppo squadra biancorosso hanno dato esito negativo sul resto dei componenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.