Quantcast

Degrado al parco don Corbelletta, i residenti della zona incontrano il sindaco Barbieri

Degrado al Parco don Aldo Corbelletta di via Molinari-Porta a Piacenza, dopo aver raccolto 1050 firme i residenti della zona portano le loro istanze al sindaco Patrizia Barbieri. L’incontro si svolgerà alle 12:30 di venerdì 11 dicembre presso il Municipio in Piazza Cavalli. I contenuti del faccia a faccia, verranno esposti successivamente ai media locali.

Le richieste dei residenti al Comune erano già state presentate nelle scorse settimane: “attivarsi – chiedono – per ripristinare la pulizia e la cura del Parco Don Aldo Corbelletta; curare il verde e sostituire le piante tagliate; ripristinare le panchine e i tavoli; sostituire i giochi rovinati/danneggiati; attivarsi per risolvere la questione del Piazzale che si trascina da decenni; rendere percorribile via Porta, una via pubblica con buche profonde, alle auto e ai pedoni; permettere alle persone disabili su carrozzelle e ai genitori con bambini sui passeggini, di percorrere via Porta e di recarsi al parco”.

“Il piazzale – ricordano i firmatari della petizione – è utilizzato come parcheggio, oltre che dagli sportivi che accedono al campo da calcio, dalle persone che si recano al parco e da tutti i cittadini residenti o frequentanti la zona. Risolvere la situazione è un dovere dell’Ente Pubblico. Noi come abitanti in zona siamo disponibili a fare la nostra parte per coinvolgere i cittadini, le scuole, la parrocchia e contribuire collettivamente per fare in modo che questi spazi siano utilizzati e vissuti in modo civile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.