Fuga di monossido in casa, famiglia intossicata

Più informazioni su

Fuga di monossido di carbonio in casa, famiglia intossicata.

L’intervento dei soccorsi, per un bambino di sette anni che si era sentito male perdendo conoscenza, è scattato nel tardo pomeriggio del 21 dicembre in un’abitazione di via Quaglia a Piacenza, nel quartiere della Farnesiana. Una volta giunti nell’abitazione i soccorritori della Croce Rossa di Piacenza, è immediatamente scattato il rilevatore a loro in dotazione che segnalava la presenza di monossido; di lì a poco anche gli altri componenti del nucleo familiare – padre, madre e un bimbo di tre anni – hanno iniziato ad avvertire malesseri.

I locali sono stati immediatamente aerati e sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco, insieme ad una seconda ambulanza della Pubblica Assistenza di Lugagnano e all’automedica del 118. Tutta la famiglia è stata condotta in ospedale per essere sottoposta alle terapie del caso: si sta valutando il trasferimento a Fidenza per il trattamento in camera iperbarica, ma nessuno di loro si troverebbe in pericolo di vita. Accertamenti sono in corso per chiarire cosa abbia provocato la fuga di monossido; in via Quaglia anche le pattuglie di polizia e carabinieri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.