Il 2020 e la festa rimandata per i 50 anni della Yama Arashi

Più informazioni su

Un compleanno speciale rimandato vista la situazione, tante difficoltà da affrontare ma anche la voglia di non mollare, con la mentalità sportiva come valido alleato per combattere e andare avanti.

Il 2020 targato Covid-19 ha scombussolato un po’ i piani della Yama Arashi, società piacentina attiva nelle arti marziali e negli sport da combattimento. A fare il punto della situazione è il direttore tecnico Gianfranco Rizzi. “Stiamo per archiviare – spiega – un anno che ha condizionato l’umanità sotto tutti gli aspetti e che ha avuto un forte impatto negativo anche sullo sport. Nel 2020 la Yama Arashi avrebbe dovuto vivere una stagione importantissima, festeggiando il 50esimo compleanno, ma viste le limitazioni imposte, abbiamo deciso di rimandare la cerimonia. Cinquant’anni di vita sono una tappa molto importante per ogni attività, nel nostro caso ancor di più, essendo una storia arricchita da 20 titoli mondiali, 25 europei e innumerevoli titoli italiani conquistati dai nostri atleti. Una tappa che deve essere festeggiata e celebrata degnamente e senza restrizioni: lo faremo a tempo debito”.

Il 2020 ha visto comunque qualche appuntamento agonistico nel kickboxing. “Abbiamo – prosegue Gianfranco Rizzi – partecipato con successo alle due fasi interregionali di Borgoricco e Mareno di Piave valide per accedere al Criterium nazionale, brillando con diversi giovani. Inoltre, eravamo presenti a due eventi internazionali, il Golden Glove di Conegliano Veneto e l’Athens Challenge, con podi e medaglie d’oro. Eravamo pronti per l’Irish Open di Dublino, ma – con biglietti aerei in tasca – le limitazioni ci hanno fermato. Da lì tutte le competizioni sono state stoppate”. Capitolo-2021. “La Federkombat ha già reso noto il calendario per il prossimo anno con regionali in gennaio, interregionali in febbraio, Criterium nazionale a marzo e Tricolori Assoluti a maggio. Grazie a chi ci sostiene, ci poniamo l’obiettivo di partecipare a tutte queste competizioni e ad alcuni dei maggiori tornei World Series promossi dalla federazione mondiale WAKO”.

Intanto, novità importanti riguardano la disciplina e di riflesso la società piacentina. “Recentemente – conclude Rizzi . il Cio ha ufficializzato l’inserimento della kickboxing ai Giochi Europei, un grandissimo traguardo e condizione imprescindibile per diventare sport olimpico. I Giochi si terranno in Polonia nel 2023, ho accolto questa notizia come un segnale positivo, il seme della rinascita che aspettavamo e sono fiducioso che la Yama Arashi, con i suoi talenti e in particolare il campione del mondo Davide Colla, sappia scrivere una pagina importante anche in questa occasione. Ora possiamo cominciare a credere nel nostro sogno olimpico, chissà forse già da Los Angeles 2028”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.