Nicolini, 180 anni di storia in un libro “Conoscere il passato per guardare al futuro con fiducia”

In occasione del suo 180esimo compleanno il Conservatorio Nicolini si fa un bel regalo pubblicando un volume che ripercorre la sua storia con testimonianze, documenti, ricostruzioni, fotografie e molto altro.

S’intitola “Per l’istruzione e il raffinamento dell’arte – I 180 anni del Conservatorio ‘G.Nicolini’ di Piacenza” il libro, curato da Mariateresa Dellaborra e Patrizia Florio, uscito pochi giorni fa in libreria edito da Libreria Musicale Italiana, che si pone l’obiettivo di ricostruire in modo attento e obiettivo la vita del conservatorio nel suo lungo cammino di affermazione sulla scena nazionale (da piccolo istituto scolastico cittadino a conservatorio di Stato), ma nel contempo di tracciare una storia di persone e di uomini prim’ancora che di musicisti. Nelle oltre duecento pagine che compongono il volume, si trovano, tra le altre cose, capitoli dedicati al percorso storico dell’istituzione, alla biblioteca, ai pianoforti storici, ai “nuovi” corsi di musica elettronica e alle tante voci dei protagonisti come i direttori e alcuni docenti che nel tempo si sono succeduti.

“Questo libro è un esempio virtuoso della storia del nostro Conservatorio che, insieme a tante altre, consente di comprendere la complessità, la ricchezza e la vitalità delle istituzioni culturali del nostro Paese – dichiara la presidente del Nicolini Gianna Arvedi – .Tradizione e innovazione, custodia del passato e proiezione nel futuro ne costituiscono gli irrinunciabili e costanti principi ispiratori”. “Sono convinto che la conoscenza del passato renda più forte la consapevolezza del presente e aiuti a guardare al futuro con fiducia – afferma il direttore del Conservatorio Walter Casali -. Questo volume ne è il perfetto esempio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.