Portosole Sanremo, approdo ancora più sicuro con la nuova diga foranea

L’approdo a Portosole Sanremo è da oggi ancora più sicuro con la nuova diga foranea.

Sono terminati i lavori di rifacimento della barriera che protegge i diportisti della marina della città dei fiori da acqua e vento.

La nuova diga foranea vanta un’altezza sul livello del mare di 6,50 metri (precedentemente erano 3,75 metri) e una torre di testata alta 7 metri. L’imponenza e la solidità della struttura sono determinate dalla larghezza che è stata raddoppiata mentre la lunghezza è rimasta pari al vecchio muro, circa 700 metri.

L’opera di riqualificazione, iniziata nell’autunno dello scorso anno a seguito di una violenta mareggiata, ha permesso la ricostruzione della scogliera emersa che è stata elevata fino a 4,50 metri, contro i 2,35 metri di quella precedente. Per la nuova scogliera sono stati impiegati massi d’ingenti dimensioni.

La messa in sicurezza dell’intera marina della città dei fiori non è tuttavia conclusa. La proprietà, che fa a capo al colosso finanziario Reuben Brothers, ha in progetto di avviare ulteriori opere di rafforzamento e miglioramento di tutto Portosole.

Se al momento è ancora prematuro parlarne, è però certo che la nuova diga foranea si deve alla recente entrata nella società di Reuben Brothers che ha permesso lo sblocco dell’investimento.

I lavori di messa in sicurezza della barriera erano infatti attesi da molti anni.

L’ammontare complessivo dell’appalto è stati pari a diversi milioni di euro mentre la progettazione e la realizzazione della diga è stata affidata al consorzio bergamasco Reber.

La diga foranea è curvilinea e a parete verticale. Essa protegge gli armatori e i frequentatori di Portosole sul lato est. Dopo la riqualificazione è stata tinteggiata di celeste, così da creare un suggestivo effetto ottico che la porta a confondersi con l’orizzonte del mare.

Grazie a questa splendida barriera, i nove moli che si dipanano a pettine al centro della struttura portuale trovano riparo dai venti e dal moto ondoso delle acque.

Portosole è stato progettato per ospitare fino a 770 imbarcazioni con una lunghezza massima di 90 metri.

Tra i suoi servizi, la Marina – porta di accesso al territorio della Riviera dei Fiori – offre  assistenza continua all’ormeggio, la possibilità di approvvigionarsi di acqua potabile ed energia elettrica direttamente in banchina (provvista d’illuminazione), sorveglianza e fornitura bollettini meteo.

L’area portuale, inoltre, offre servizi igienici e docce, ritiro rifiuti, lavanderia e raccolta delle acque nere, oltre che un servizio di sommozzatori in caso di necessità.

All’interno della struttura si trovano anche uno scivolo per imbarcazioni, due travelift (capacità max 30 tonnellate ciascuno), uno scalo di alaggio (portata max 750 tonnellate), officine di riparazione e una stazione di rifornimento di gasolio e diesel.

Portosole non ha solo una funzione diportistica. La marina, infatti, offre anche servizi commerciali e legati alla sosta delle imbarcazioni, due cantieri navali, un centro di brokeraggio, agenzie nautiche e punti autorizzati per l’elettronica di bordo. Non mancano bar, ristoranti e un tabacchi.

 Per raggiungere Portosole in Barca

COORDINATE

43° 49’ 07’’ N – 07 ° 47’ 15’’ E

Posti barca: 804
Lunghezza massima: 90 mt.
Fondali: da 2.50 a 7 mt.

V.H.F. 9

Via Del Castillo, 17 – 18038 Sanremo (IM)
Tel +39 0184.500349
info@portosolesanremo.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.