Recupero dell’evasione fiscale, Piacenza ha incassato solo 18mila euro

Piacenza nel 2020 ha incassato solo 18mila di euro dal recupero dell’evasione fiscale. Un gruzzolo esiguo se comparato a quanto ha fatto il Comune che ha recuperato di più, San Giovanni in Persiceto (in provincia di Bologna con 28 mila abitanti) che ha portato a casa 1,5 milioni di euro.

tabella evasione fiscale recuperata 2019

In questa tabella pubblicata da IlPost si possono consultare tutte le somme recuperate dai comuni italiani che aderiscono al protocollo d’intesa con l’Agenzia delle Entrate. Si tratta di un accordo che prevede un canale di comunicazione diretto tra le amministrazioni e l’Agenzia delle Entrate, che forma i funzionari comunali per scoprire eventuali evasori. Il protocollo di intesa ha l’obiettivo di mettere nelle condizioni le amministrazioni locali di “stanare” l’evasione fiscale, ma in undici anni hanno aderito solo 387 comuni, il 5,1% del totale. Grazie all’attività di controllo svolta dai comuni nel 2019, sono stati recuperati 7,8 milioni. In totale, dal 2010 sono stati recuperati 116,8 milioni di euro. E tutti i soldi recuperati grazie alle segnalazioni dei comuni vengono girati ai comuni, anche se si devono all’evasione di tributi nazionali.

I Comuni piacentini che aderiscono al protocollo, oltre al capoluogo, sono Castelsangiovanni, Podenzano e Carpaneto. Quest’ultimo è quello che ha realizzato il recupero maggiore di risorse in proporzione alla popolazione, con 15mila e 740 euro. Modeste le cifre recuperate da Castello (1342 euro) e Podenzano (665). Da due anni, invece, San Giovanni in Persiceto è in testa alla classifica dei soldi incassati grazie agli accertamenti fatti dall’Agenzia delle Entrate partiti dalle segnalazioni dei comuni. San Giovanni in Persiceto nel 2019 ha incassato 1,5 milioni di euro dal recupero dell’evasione fiscale, e quest’anno 1,3 milioni. Il secondo comune di questa classifica, Genova, nel 2020 ha ottenuto 580mila euro, secondo i dati pubblicati dalla Direzione Finanze del ministero dell’Interno. Altre grandi città italiane non sono riuscite a fare meglio: Torino ha riscosso 518mila euro, Milano 345mila, Bologna 259mila.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.