Smontate e rimontate le luminarie in piasintein alla Muntà, omaggio a Gianni Levoni

Smontate e rimontate le luminarie in piasintein alla Muntà, omaggio a Gianni Levoni.

Come accade in molte città, anche Piacenza ha deciso di illuminare questo natale con decorazioni ispirate alla musica. Se a Bologna quest’anno si è puntato su Futura, di Lucio Dalla, qui si è giocata la tradizione popolare e verace della canzone dialettale. Quale miglior esempio di T’al digh in piasintein di Gianni Levoni, che abbiamo tutti imparato ad intonare da bambini, e quale migliore location se non la Muntà di Ratt? Peccato che le luminarie siano state montate in sequenza sbagliata, invertendo il famoso ritornello. Anziché “T’al digh in piasintëin c’t’ho seimpar vurì bëin, dal dé ca t’ho incunträ, me m’sum innamurä”, dopo il “T’al digh in piasintëin” è stata messa subito la frase “dal dé ca t’ho incunträ”.

Una svista che qualcuno ha fatto presente e alla quale è stato posto rimedio in giornata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.