Stretta di Natale, Bonaccini “Meglio la zona rossa alternata. Grande rigore per evitare terza ondata”

“Sono due le ipotesi in campo. Una zona rossa che prosegua dalla vigilia di Natale all’Epifania, oppure alternata con qualche allentamento. Io privilegerei questa seconda ipotesi anche se non non è una scelta facile”.

Lo ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a Mattino 5, parlando delle restrizioni in vista per le festività natalizie. Un nuovo decreto legge Covid, per disporre le restrizioni nel periodo che va dal 24 dicembre al 6
gennaio, sarà sul tavolo del Consiglio dei ministri già convocato alle 18. Lo si apprende da fonti di governo.

Sul tema degli spostamenti per i giorni di festa “si sta valutando, e l’avevamo chiesto, qualche piccola deroga per non lasciare da solo nessuno nella giornata magari di Natale, trattando le metropoli diversamente dai piccoli comuni”. “L’importante è avere tutti la consapevolezza che ci sia un grande rigore per evitare terza ondata – ha aggiunto -. Che la terza ondata della pandemia possa arrivare lo dicono un po’ tutti gli scienziati – ha aggiunto – ma il punto è come arriva. Se sarà lieve la si gestirà in maniera differente che se arriverà alta”.

“Abbiamo chiesto tutti quanti con forza e ognuno si sta organizzando anche nel proprio territorio per metterci del suo, ristori più celeri possibili. Si possono chiedere sacrifici, c’è chi ne ha già fatti tanti, ma bisogna che le risorse promesse arrivino” – ribadisce Bonaccini. “Lo Stato – ha aggiunto – deve ristorare coloro che sono costretti a chiusure e restrizioni. Avviene in tutti i Paesi. Ci sono Paesi che sono stati in grado di dare le risorse molto velocemente, in Italia non sempre è accaduto. Quello che chiediamo è rigore nel garantire che coloro che chiudono o devono ridurre un’attività vengano aiutati velocemente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.