Tra incendi e salvataggi, in dieci mesi oltre 2.300 interventi dei vigili del fuoco

Più informazioni su

Sono 2379 gli interventi compiuti nei primi dieci mesi dell’anno dai vigili del fuoco piacentini.

A tracciare il bilancio dell’attività è il comando provinciale in occasione della ricorrenza di Santa Barbara, patrona dei vigili del fuoco, che quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria in corso, vedrà l’annullamento delle tradizionali celebrazioni commemorative. Non ci sarà dunque, l’8 dicembre, la celebrazione della Santa messa alla presenza delle autorità cittadine e del personale in servizio ed in quiescenza, con successivo momento conviviale, né l’apertura al pubblico della caserma in data 8 dicembre. Si svolgerà comunque un momento commemorativo, riservato al solo personale in servizio, con la deposizione di una corona di alloro presso la lapide ai caduti posizionata nel cortile, all’interno della Sede Centrale di Piacenza.

L’ATTIVITA’ DEI VIGILI DEL FUOCO – Sono in servizio al Comando di Piacenza, guidato da Danilo Pilotti, 195 unità, tra la sede centrale cittadina e i distaccamenti di Fiorenzuola, Castel San Giovanni e Bobbio. Dal 1° gennaio al 31 ottobre 2020 sono stati effettuati 2379 interventi per soccorso tecnico urgente, 532 dei quali per incendio (nel 26% dei casi provocati da mozziconi di sigarette o fiammiferi) , 357 per soccorso a persone e 316 a seguito di incidenti stradali, ma non sono mancati quelli per aperture di porte e finestre, per fughe di gas o per il salvataggio di animali. Il personale dei vigili del fuoco garantisce infatti il soccorso non solo in occasione di incendi, ma anche in tutte quelle situazioni di emergenza quali ad esempio improvvisi o minacciati crolli strutturali, frane, piene, alluvioni o altra pubblica calamità, per le quali sono richieste professionalità tecniche anche ad alto contenuto specialistico ed idonee risorse strumentali.

A tal fine possono essere impiegati il G.O.S. (Gruppo Operativo Speciale – movimento terra), di estrema importanza per le operazioni di soccorso; il N.B.C.R. (Nucleo Batteriologico Chimico Radiometrico), attivato quando esiste un fondato pericolo di contaminazione da sostanze nucleari, biologiche, chimiche e radiologiche, in grado di provocare danni a persone, animali o cose; il Laboratorio Radiometrico, che si occupa del rilevamento di radioattività alfa, beta e gamma con misura periodica settimanale di eventuale contaminazione in aria. Vi sono poi il nucleo S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale), in grado di operare e portare soccorso in ambienti impervi, il nucleo TAS (Topografia applicata al soccorso) che si occupa invece di ricerca, soccorso persone e interventi NBCR collaborando con gli altri nuclei, e quello Telecomunicazioni, il cui compito è la gestione della comunicazione radio e ripetitori radio nel territorio provinciale. Il Laboratorio D.P.I. (Dispositivi protezione individuale) si occupa infine della gestione e manutenzione degli autoprotettori ed esplosimetri.

Prevenzione incendi e vigilanza – Nell’attività dei vigili del fuoco anche quella relativa ai procedimenti di prevenzione incendi, che riguardano le istanze e segnalazioni che i responsabili delle attività soggette ai controlli sono tenuti a presentare al competente Comando dei vigili del fuoco.

La vigilanza antincendio è invece finalizzata a completare le misure di sicurezza peculiari dell’attività di prevenzione incendi, a prevenire situazioni di rischio e ad assicurare l’immediato intervento in caso di necessità: i servizi vengono di norma svolti presso i locali di pubblico spettacolo ed intrattenimento ma, in generale, possono essere espletati anche presso altre attività, quali ad esempio porti, stabilimenti, impianti. I servizi di vigilanza prestati dal Comando provinciale Vigili del Fuoco di Piacenza sono stati 28, con l’impiego di squadre composte da 5 unità.

Ufficio Polizia Giudiziaria – L’ufficio di Polizia Giudiziaria del Comando Provinciale è stato un valido supporto ai competenti Organi di Polizia Giudiziaria per le attività investigative connesse al soccorso tecnico urgente e alle attività di controllo: 53 le comunicazioni relative a notizie di reato.

Covid – I pompieri sono impegnati anche nella battaglia contro il Coronavirus con una squadra di specialisti NBCR in servizio h24 al Comando provinciale di strada Valnure che interviene in situazioni di sospetti casi Covid, affiancando i sanitari del 118 nell’accesso alle abitazioni e anche in incidenti stradali o in tutte le situazioni che richiedono la massima protezione. Procedono alla decontaminazione dei mezzi e di tutto il materiale utilizzato garantendo sempre la massima sicurezza, non facendo mai mancare aiuto e supporto nella filiera del soccorso che ha il solo scopo di fermare il contagio, anche tra il personale soccorritore. I vigili del fuoco con questa specializzazione, che si è sempre rivelata fondamentale in molteplici e complessi scenari, hanno formato anche coloro che si occupano della decontaminazione di mezzi e personale, alla fine di ogni servizio Covid, al centro ad hoc allestito dietro la centrale del 118.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.