“Aiutare il contact tracing non è denunciare, ma impedire la diffusione del virus”

Contagi nei Comuni: nell’ultima settimana si evidenzia una tendenza all’incremento.

Lo fa presente il direttore generale dell’Ausl di Piacenza, Luca Baldino, nel porre l’accento sulla situazione di 3 Comuni in particolare: Morfasso (legato anche al focolaio nella Cra del paese), Bobbio (feste e cene di compleanno) e Sarmato (focolaio nel coro della chiesa). “Ci accorgiamo sempre di più, facendo le interviste per il contact tracing, che le persone – dice Baldino – sono molto restie a dare i nomi dei contatti, in particolare tra i ragazzi giovani. Voglio lanciare un appello: non si tratta di denunciare, ma è importante dare i nomi dei contatti affinché, grazie ai tamponi, si possa limitare i contagi. E’ importante che i cittadini collaborino su questo fronte”.

Per la prima volta il numero di persone in isolamento perché contatti stretti di positivi è inferiore rispetto a quello dei positivi stessi: 1.453 contro 1.153. “E’ proprio frutto di quello che vi dicevo prima – sottolinea Baldino -: della reticenza nel fornire i nominativi dei propri contatti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.