Cene in famiglia e contagi, Rancan (Lega): “Bonaccini mostri i dati”

“Pretendiamo di vedere i dati che fanno risultare l’Emilia Romagna condannata alla zona arancione per colpa dei pranzi e delle cene del periodo natalizio o, in alternativa, saremo di fronte all’ennesima sparata del presidente Bonaccini”.

Lo ha detto il capogruppo regionale della Lega, il piacentino Matteo Rancan, alla vigilia del nuovo provvedimento restrittivo con l’applicazione della zona arancione deciso per far fronte alla pandemia da Covid 19. Il capogruppo della Lega ripercorre, mettendone in evidenza tutte le contraddizioni, le affermazioni fatte sin qui dal governo centrale che sono state puntualmente smentite. “Prima la sua frase ‘Chiudiamo a ottobre per aprire a Natale’. Poi ‘Le misure per Natale servono a far scendere la curva’. Ora Bonaccini dice che ‘La nuova zona arancione scatta per colpa di pranzi e cene durante le feste’.

“Invito Bonaccini – attacca il capogruppo regionale della Lega – a preoccuparsi di chiedere al suo Governo i ristori tanto decantati ma mai arrivati. Basta proclami conclude il leghista Rancan – servono sostegno, risorse e umiltà non frasi di circostanza per imbonirsi i cittadini senza poi fare di tutto per difendere un territorio in cui famiglie e operatori economici si vedono nuovamente condannati a subire errori di programmazione”. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.