Gli notificano i domiciliari e in casa trovano una carabina e munizioni non denunciati

I carabinieri notificano i domiciliari e in casa trovano una carabina e munizioni non denunciati, scatta quindi una nuova denuncia ai danni di 66enne, residente nel comune di Castelsangiovanni (Piacenza).

Il fatto è accaduto nel pomeriggio del 21 gennaio, quando i carabinieri della Stazione di Castel San Giovanni hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza di Reggio Emilia nei confronti del pensionato. L’uomo doveva espiare due mesi di reclusione in regime di detenzione domiciliare, in seguito alla condanna emessa perché nel 2016 con un falcetto avrebbe minacciato gravemente un suo vicino di casa. I militari si sono recati presso l’abitazione dell’uomo e durante le operazioni di rito, all’esito della perquisizione personale e domiciliare, di prassi in questi casi, hanno rinvenuto nel salone dell’abitazione una carabina calibro 12, senza marca e modello, 46 cartucce dello stesso calibro e altre 14 cartucce calibro 36 che non erano state regolarmente denunciate.

L’arma e le munizioni sono state subito sequestrate. Mentre il 66enne, dopo essere stato sottoposto alla detenzione domiciliare, a seguito dell’ordinanza di concessione dell’espiazione della pena detentiva presso la propria abitazione, è stato contemporaneamente denunciato per detenzione illegale di armi e munizioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.