La protesta di bar e ristoranti “Stasera riapriamo, ma non siamo fuorilegge”. Controlli delle forze dell’ordine foto

Più informazioni su

“Non siamo fuorilegge, ma se non lavoriamo moriamo”.

E’ il sofferto appello alle istituzioni di Mirko Rinaldelli, titolare dell’AgriRanch di Bettola e coordinatore a Piacenza – attraverso il gruppo facebook “Ioapropiacenza” – della annunciata protesta di ristoratori, titolari di bar e commercianti contro le restrizioni governative anti-covid. Un’azione di “disobbedienza civile” che da venerdì 15 gennaio prenderà piede in tutta Italia. “A Piacenza, al momento, sono una decina i locali che hanno aderito alla protesta – fa sapere il ristoratore -. Noi all’Agriranch faremo un’apericena dalle 18 alle 21:45, nel pieno rispetto delle misure anti-contagio”.

Bar protesta

Il quadro presentato da Rinaldelli è preoccupante. “Ci sono colleghi che mangiano alla Caritas – spiega -. Ribadisco, non siamo fuorilegge, vogliamo solo lavorare o, in alternativa, che arrivino i ristori promessi”. E annuncia che quella di stasera non sarà un’iniziativa estemporanea. “L’intenzione è tenere aperto anche nei prossimi giorni. Se prenderò la multa non importa, riaprirò anche il giorno seguente. E quello dopo ancora”.

Intanto, fuori da alcuni bar della città spuntano i primi cartelloni “Aprire o Morire”. Ma anche targhe che ricordano come il diritto al lavoro sia riconosciuto dalla costituzione. C’è poi chi espone  il manifesto del “Dpcm Autonomo”, il Decalogo Pratico dei Commercianti Motivati, scritto in opposizione ai decreti governativi, in cui gli esercenti hanno raccolto i propri punti fermi per riaprire in sicurezza. Fuori da un locale, in segno di protesta, sono apparsi anche dei manichini, seduti intorno a un tavolo come fossero clienti.

Bar protesta

L’annunciata violazione delle regole sta già mettendo in moto le forze dell’ordine: carabinieri, questura, polizia locale e guardia di finanza. I carabinieri fanno sapere che nel corso della giornata saranno mobilitate circa 35 pattuglie in città e provincia, con controlli in bar e ristoranti a partire dalle 18.

MIRKO RINALDELLI SUL GRUPPO IOAPROPIACENZA “FATECI LAVORARE”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.