Palazzo Farnese online, su facebook l’allestimento della nuova sezione archeologica

Cosa fare on line nei Castelli del Ducato a inizio 2021 in attesa che manieri e musei possano tornare a riaprire al pubblico, in piena sicurezza?

Sono quattro le esperienze che si possono seguire stando al computer, al tablet o allo smartphone collegati da casa propria, proposte nella rete turistica culturale dei Castelli del Ducato. Si spazia dalla possibilità di cucinare insieme ad una vera castellana, esperta di cucina storica, che darà lezioni speciali di cooking class live dal Castello di Gropparello, al fare Archeo Backstage, vivendo da protagonisti l’allestimento inedito del Museo Archeologico della Cittadella Viscontea a Piacenza, passo dopo passo, seguendo periodiche dirette on line su Facebook. E per i più piccoli si può giocare in gruppi di 15 persone alla cena con delitto per bimbi on line, ancora dal Castello di Gropparello che sta sperimentando nuove forme di coinvolgimento in attesa di poter riaprire il Parco delle Fiabe. Mentre la pagina Facebook del Castello del Piagnaro e del Museo delle Statue Stele a Pontremoli in Lunigiana propongono con la cooperativa Solidarietà e Lavoro periodici tutorial per fare lavoretti creativi con i bambini.

PALAZZO FARNESE A PIACENZA VA ON LINE CON ARCHEO BACKSTAGE – In mostra il “dietro le quinte” della nuova collezione archeologica inedita: 700 anni di storia di Piacenza dalla fondazione nel 218 a.C. all’Alto Medioevo. Ogni mercoledì e sabato alle 20.30, a partire dall’8 gennaio e fino alla riapertura del Museo sulla pagina Facebook dei Musei Civici di Palazzo Farnese. E’ come assistere in diretta ai lavori di allestimento della Sezione Archeologica di Palazzo Farnese – Cittadella Viscontea, uno dei 35 Castelli del Ducato inserito nella rete turistica culturale interregionale.

Lo annuncia l’assessore alla Cultura del Comune di Piacenza Jonathan Papamarenghi, membro del Direttivo dei Castelli del Ducato, che aggiunge: “La nuova collezione archeologica è il risultato di un lavoro di quattro anni di selezione, restauro e studio di materiali archeologici, per lo più inediti e mai esposti, e racconterà più di settecento anni di storia della città di Piacenza, dalla sua fondazione nel 218 a.C. all’Alto Medioevo”. “Il cuore del percorso sarà l’Urbe – ha spiegato la direttrice dei Musei Civici Antonella Gigli – e attorno a questa saranno sviluppati vari temi: la domus, il commercio, il culto. La sezione sarà suddivisa tra preesistenze – ovvero ciò che c’era prima dell’insediamento romano – e persistenze romane, con manufatti, mosaici e reperti di elevato valore artistico”.

LEZIONI DI CUCINA STORICA – Sabato 16 gennaio dalle 10 alle 12 si impara, on line, a cucinare una zuppa di cipolle alla maniera antica, una carbonata all’arancia e soprattutto il filetto lardellato in guisa di quaglia. Lezione di cucina storica “su misura” tutto l’anno live prenotabile per gruppi di persone. Prima si cucina tutti insieme, collegati da casa propria, seguendo le indicazioni della chef, esperta di cucina storica, Maria Rita Trecci Gibelli, proprietaria del Castello di Gropparello. Nelle sue lezioni di cucina storica consiglia, propone e spiega piatti molto sfiziosi fantastici anche per invitare a pranzo o a cena amici e offrire un menu intrigante, inatteso e molto saporito. L’iniziativa è adatta ad adulti e ai ragazzi e ragazze dai 14 anni in su in modo autonomo. Possono partecipare anche ragazzi più piccoli, purché inseriti in un gruppo di adulti.

Durata: 2 ore circa

Piattaforma utilizzata: ZOOM

L’incontro inizierà puntuale rispetto all’orario prefissato, consigliato collegarsi alla piattaforma 10 minuti prima. Dopo il pagamento riceverete una mail di conferma con anche un questionario al quale rispondere: il questionario è inerente a gusti, eventuali allergie e attrezzature presenti in casa; seguirà la lista delle proposte culinarie tra le quali scegliere e successivamente la lista della spesa e degli utensili da usare, e il giorno prima riceverete il link per accedere alla diretta nel giorno e orari concordati.

CENA CON DELITTO ON LINE PER FAMIGLIE PER GRUPPI –  La cena con delitto on line per gruppi di minimo 15 bambine e bambini da 8 a 12 anni, proposta dal Castello di Gropparello sempre con trame diverse, in date periodiche tutto l’anno o su prenotazione per gruppi, compleanni, regali e sorprese nel 2021, è una esperienza coinvolgente da sperimentare.

Piattaforma utilizzata: ZOOM. L’incontro inizierà puntuale rispetto all’orario prefissato, consigliato collegarsi alla piattaforma 10 minuti prima. Nel giro di quasi tre ore un delitto si rievoca, una misteriosa contessa vaga (per davvero) nelle magnifiche sale del Castello di Gropparello incontrando spettri che la tengono insonne, un assassinio compiuto tempo addietro da chissà quale dei fantasmi che si agitano nelle notti sospese nel maniero. I bambini e le bambine giocano, fanno domande, possono parlare tra loro e con gli animatori, il tutto orchestrato dal Mago Zoom che tra battute e indovinelli tiene il filo del gomitolo. Dopo il pagamento riceverete una mail di conferma e successivamente la lista della spesa e degli utensili da usare, e il giorno prima riceverete il link per accedere alla diretta nel giorno e orari concordati.

TUTORIAL ON LINE PER PICCOLE CREAZIONI DAL CASTELLO DEL PIAGNARO DI PONTREMOLI – Si spazia da come creare una Statua Stele a come fare un biglietto originale. In collaborazione con la cooperativa Solidarietà e Lavoro la pagina Facebook del Castello del Piagnaro propone periodici tutorial – alcuni a cura del Centro Giovanile Mons. G. Sismondo – interessanti proposte didattiche dedicate sia al Castello del Piagnaro – Pontremoli che al Museo delle Statue Stele Lunigianesi – Pontremoli. I bambini possono poi inviare i video o le foto delle loro creazioni – fatte seguendo i tutorial on line – alla pagina del Castello del Piagnaro che ne cura la pubblicazione on line.

INFO: info@castellidelducato.it – www.castellidelducato.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.