Quantcast

A Villanova nasce il villaggio paralimpico “E’ un segno di speranza per la nostra comunità” foto

Annunciato due anni fa, ora vede finalmente il traguardo più vicino. Stiamo parlando del centro – o villaggio – paralimpico di Villanova.

Alla presenza di tutte le autorità che hanno consentito l’avvio del progetto – il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, Melissa Milani, presidente Comitato Paralimpico Emilia Romagna, Luca Baldino, direttore generale Ausl Piacenza, Romano Freddi, Sindaco del Comune di Villanova sull’Arda, Patrizia Barbieri, presidente Provincia Piacenza, Lucia Fontana, presidente Conferenza Territoriale Socio Sanitaria – si è tenuta l’inaugurazione del primo cantiere, quello della piscina. L’opera vede nel complesso un investimento di 10 milioni di euro, la prima tranche da 5 milioni e mezzo verrà utilizzata nella realizzazione appunto della piscina.

“Questo sarà il secondo villaggio paralimpico d’Italia, dopo quello di Tre Fontane a Roma – ha detto il direttore generale dell’Ausl Luca Baldino – e servirà per tutto il Nord Italia. Contiamo di poter chiudere i lavori in un anno e mezzo. Qui gli atleti paralimpici potranno venire ad allenarsi ma, accanto all’attività agonistica, questo sarà anche un luogo dove persone con una disabilità stabilizzata potranno seguire corsi di avviamento allo sport. Ringrazio i sindaci che all’inizio erano dubbiosi ma alla fine hanno creduto in questo progetto, ringrazio il Cip, che ci ha aiutato nella realizzazione e ne sarà il principale fruitore, così come la Regione che non ha fatto venire meno le risorse economiche, e Paola De Micheli che ha avuto un ruolo fondamentale nel far arrivare il finanziamento da 10 milioni di euro”.

“Promuovere il gesto sportivo come strumento di benessere – ha detto Melissa Miani del Cip Emilia Romagna -, questa la finalità di questo centro che sarà aperto non solo agli atleti di alto livello”. “Questo è il risultato – le parole di Patrizia Barbieri, presidente della provincia di Piacenza – del gioco di squadra dei sindaci che hanno trovato la collaborazione dell’Asl, della Regione e dello Stato. Ci sono comunità di intenti che fanno conseguire questi risultati per tutto il territorio, a maggior ragione per un progetto che coniuga sanità e welfare”. “Nei miei 17 mesi da ministro ho aperto cantieri per 31 miliardi, ma questo è quello che mi emoziona di più perché rappresenta una promessa mantenuta – spiega l’onorevole Paola De Micheli – alla mia comunità. Alla vigilia di un anniversario terribile, lo scoppio di una pandemia che ha messo in ginocchio il mondo, l’inaugurazione di questo cantiere rappresenta un segno di speranza”.

Luca Baldino presenta il cantiere

“E’ una battaglia, quella contro il covid, che non si è ancora conclusa. Noi abbiamo chiesto al Governo – interviene Stefano Bonaccini – di fare pressione sull’Unione Europa per aumentare il numero delle dosi, perché così forse riusciremo a concludere prima la nostra lotta”. Bonaccini ricorda anche la lunga battaglia che ha portato alla giornata di oggi, con il combattivo comitato per la difesa dell’ospedale di Villanova. “Lavorando insieme siamo riusciti a definire un progetto, costruirlo. Mi sembra che per questo motivo oggi sarà una delle più belle giornate per chi, come noi – ha detto il presidente – ha delle responsabilità istituzionali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.