Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Confapi Industria

Tra innovazione e leadership, ecco come avviene il “passaggio del testimone” in azienda. Indagine di Confapi e Cattolica

Il passaggio generazionale in azienda è finito al centro di una ricerca commissionata da Confapi Industria Piacenza all’Università Cattolica.

“Sono 29 le imprese coinvolte nella rilevazione – spiegano il direttore di Confapi Industria Andrea Paparo e il presidente del Gruppo Giovani Gianluca Poggioli –; tutte si trovano a gestire il processo di successione: in 10 casi il “passaggio di consegne” si è già completato, in 6 casi si tratta di un processo in corso e per 13 aziende è un processo che avverrà nel futuro prossimo”. “Innanzitutto va segnalato che il titolare del passaggio di consegne è nella maggioranza dei casi un uomo – segnala la docente della Cattolica Franca Cantoni che ha curato la ricerca – in un solo caso è una donna. Negli anni evidentemente la situazione è cambiata dato che abbiamo registrato nove passaggi di consegne da padre a figlia su 29 casi: un miglioramento, certo, ma non basta”.

Ma veniamo all’identikit delle imprese coinvolte dall’indagine, promossa dal Gruppo Giovani di Confapi Industria Piacenza: 16 appartengono ai settori metalmeccanico e dei servizi, mentre il resto si distribuisce fra agro-alimentare, edilizia e altri, 15 sono società con familiari, mentre per quanto riguarda la forma giuridica, quella più frequente è la società di capitali (per il 72/73 per cento del campione), seguita dalla società di persone (che vale un 21 per cento circa) e dalla ditta individuale. “Nel 69 per cento dei casi abbiamo interpellato il successore di prima generazione, nel 20 per cento il fondatore o il suo socio – specifica Cantoni – e sono emersi dei dati interessanti. Innanzitutto nelle 10 aziende in cui è avvenuto, il passaggio generazionale ha portato dei cambiamenti nell’assetto e nella gestione aziendale o nelle politiche di marketing e commerciali o negli investimenti in tecnologie e sostenibilità: su questo fronte ben 6 aziende hanno investito in attenzione al riciclo/riuso. Fra le criticità da segnalare invece c’è il fatto che il 30 per cento delle aziende non si sia affidata a nessun consulente esterno per il passaggio di consegne”.

Sei sono invece le aziende che stanno affrontando ora il passaggio generazionale. “Per una di loro il processo è in corso da più di 5 anni – sottolinea la docente della Cattolica – i cambiamenti previsti riguardano soprattutto l’assetto organizzativo, poi le politiche di marketing, la tecnologia e la gestione del personale”. Tredici sono infine le imprese che prevedono un passaggio generazionale nel futuro prossimo. “In 8 casi esiste già un orientamento su chi assumerà la conduzione aziendale e nel 62 per cento dei casi il successore sarà ricercato fra i familiari – spiega Cantoni – ma solo in 2 casi è già stata in qualche modo pianificata la modalità del passaggio. A essere lamentate sono la difficoltà di dialogo e l’eccessiva attenzione per gli aspetti economici a scapito di quelli più relazionali”.

“Premesso che ogni azienda è diversa, abbiamo riscontrato delle esigenze comuni – conclude Cantoni – le imprese a passaggio avvenuto hanno la necessità di consolidare la leadership del successore e dare una impostazione manageriale alla gestione. Nelle aziende dove il processo è in corso occorre considerare la successione come un progetto a cui dedicare attenzione e risorse. In quelle infine con passaggio futuro evidenziamo ancora che se ne parla nell’85 per cento dei casi e in un altrettanto 85 per cento il passaggio non è stato pianificato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.