Quantcast

“Più educazione finanziaria nelle scuole”, in Banca di Piacenza il libro di Assopopolari per i giovani

“I giovani, l’Economia e la Finanza” è un agile volume edito da Assopopolari rivolto ai giovani. E’ stato presentato nella Sala Ricchetti della Banca di Piacenza (la trasmissione, in streaming, è stata seguita sul sito dell’Istituto di credito da un pubblico numeroso), con l’intervento di Angelo Antoniazzi, Pietro Coppelli e Pietro Boselli, rispettivamente direttore generale, condirettore generale e vicedirettore generale della Banca.

Ha introdotto e chiuso i lavori Riccardo Mazza dell’Ufficio Relazioni esterne. Il direttore Antoniazzi ha sottolineato la necessità di far crescere la presenza dell’educazione finanziaria all’interno del sistema scolastico «perché sempre di più nella nostra vita siamo chiamati a fare scelte che richiedono un’adeguata competenza economico-finanziaria, che invece è molto carente. La scuola ci può aiutare ad ovviare a questo problema, per tre ordini di motivi: la maggiore capacità di apprendimento dei giovani; il fatto che attraverso la scuola si raggiunge tutta la popolazione; già in età giovanile sarebbe opportuno che certe scelte si facessero avendo maggiori conoscenze economiche». Il direttore generale si è poi soffermato sul 2° capitolo del volume (che ripercorre la storia delle banche, dai Sumeri ai giorni nostri) e sull’ultima parte che spiega i sistemi di pagamento.

Al condirettore Coppelli il compito di illustrare il ruolo delle banche popolari (la Banca di Piacenza è tra queste). “Le banche popolari – ha spiegato – sono sempre state in prima linea nel divulgare l’educazione finanziaria, vedendo in essa uno strumento collaborativo per la tradizione che le banche locali hanno di conoscenza del territorio”. Il condirettore generale si è quindi riferito alla figura di Luigi Luzzatti (padre delle Popolari, nate su tre pilastri fondamentali: cooperazione, localismo e sussidiarietà) e ha presentato la parte del volume che si occupa delle caratteristiche dei pagamenti elettronici. Il vicedirettore Boselli, dal canto suo, ha ricordato i cinque principi a cui anche la Banca di Piacenza si ispira chiedendo che i clienti li prendano a propria guida: “Abbi cura dei tuoi soldi”; “Informati bene”; “Confronta più prodotti”; “Non firmare se non hai compreso”; “Più guadagni più rischi”.

Chi fosse interessato ad avere il volume di Assopopolari può rivolgersi all’Ufficio Relazioni esterne (0523/542137), che esaudirà le richieste compatibilmente al numero di copie disponibili. Rivolgendosi al medesimo Ufficio, le scuole possono concordare la presentazione del libro presso i loro Istituti. Venerdì prossimo, 5 marzo, sempre alle 18, presentazione in streaming (www.bancadipiacenza.it) dell’opuscolo informativo sugli aspetti particolari del Superbonus 110% realizzato dalla Banca in collaborazione con Confedilizia Piacenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.