Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cooperazione

Startup cooperative, ammessi 22 progetti nel bando di Legacoop Emilia Ovest

Sono in totale 89 le persone coinvolte nella seconda fase del Bando Coopstartup Emilia Ovest che si è chiuso il 31 gennaio e che promuove la nascita di nuove cooperative nel territorio di Reggio Emilia, Parma e Piacenza. L’iniziativa è promossa da Legacoop Emilia Ovest, in collaborazione con Coopfond, fondo mutualistico per lo sviluppo del movimento cooperativo.

In totale i progetti caricati sulla piattaforma dedicata sono stati 33 di cui 22 completi e ammissibili alla fase di valutazione da parte della commissione. Il Bando era rivolto a gruppi composti da almeno 3 persone, i futuri soci della cooperativa, senza limiti di età. Chiuso il primo step in cui era richiesta una breve descrizione dell’idea di impresa e i cv dei membri del team di lavoro, si procede ora ad una prima valutazione delle proposte. Nella prima fase i candidati hanno l’opportunità di seguire un corso di formazione online per approfondire le caratteristiche della startup cooperativa. La Commissione di esperti selezionerà i progetti migliori i cui proponenti parteciperanno ad un programma di formazione intensiva gratuita, al termine del quale i gruppi dovranno predisporre un business plan.

Al termine del percorso verranno messi a disposizione di tutte le cooperative che si costituiranno vari supporti: la possibilità di attivare altri strumenti finanziari di Coopfond, la disponibilità di spazi di coworking per i primi 90 giorni e successivamente a canone calmierato, l’accompagnamento post startup per ulteriori 36 mesi a condizioni economiche convenzionate, prodotti dedicati di BPER Banca Spa e inoltre ai 5 progetti che la Commissione giudicherà migliori verrà erogato anche un contributo a fondo perduto di 60.000 euro (12mila euro per ciascuna cooperativa che si costituisce) offerto da Coopfond, Legacoop Emilia Ovest, Coop Alleanza 3.0, Boorea, Gruppo BPER Banca Spa.

“In un periodo così complesso, possiamo ritenerci molto soddisfatti della partecipazione riscontrata” – ha dichiarato Edwin Ferrari, presidente Legacoop Emilia Ovest – “Stiamo attraversando una fase di grandissima difficoltà e incertezza per le imprese. L’interesse raccolto con questo bando, giunto alla seconda edizione, testimonia che c’è voglia di rimboccarsi le maniche, e la forma cooperativa si conferma un modello sempre attuale, democratico, nato per soddisfare i bisogni delle persone”. “Coopstartup” – aggiunge Daniela Cervi, responsabile della promozione cooperativa – “rientra tra le nostre mission principali: sostenere nuova cooperazione. Questo progetto offre non solo l’opportunità di ricevere un aiuto economico a fondo perduto, ma anche un’intensa fase di formazione e tutoraggio, che consente di affinare le competenze dei partecipanti sui temi dell’imprenditorialità e della cooperazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.