Quantcast

A Cadeo cresce il verde con 48 nuovi tigli

“Con queste 48 nuove piante investiamo sul futuro”. Così il primo cittadino di Cadeo, Marco Bricconi, ha dato il via alla piantumazione nell’area verde lungo la Ferrovia, posta al termine della pista ciclabile a Fontana. Nel pomeriggio di sabato 20 marzo è infatti iniziata la messa a dimora di ben 48 tigli dell’altezza di circa due metri.

“Questi tigli rappresentano il nostro domani – prosegue Bricconi –. Maggiore copertura arborea equivale a migliori servizi ecosistemici essenziali per il benessere del pianeta e di noi che lo abitiamo. E mi piace molto l’idea che a curarli siano proprio i membri del nostro Consiglio Comunale dei ragazzi che fin da oggi imparano a prendersi cura del territorio, per poi poter essere adulti responsabili di domani”. Alla piantumazione a fianco del sindaco Bricconi, oltre alla vicesindaca Marica Toma e agli assessori Mauro Sarsi e Donatella Amici vi era una piccola delegazione del Consiglio Comunale dei ragazzi. Piantumazione avvenuta nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti.

“Vogliamo ringraziare l’amministrazione comunale e tutte le associazioni che hanno collaborato a questo progetto – sono intervenuti i tre ragazzi presenti – che servirà non solo ad abbellire quest’area ma anche ad allietare le nostre giornate”.
“Il progetto è totalmente gratuito per il Comune – illustra l’assessore Sarsi- ed è frutto della collaborazione tra associazione Psicoatleti asd, Piantumazione Selvaggia e l’associazione Via Francigena. La piantumazione, come la manutenzione biennale delle piante, saranno a carico dell’Associazione Psicoatleti asd, attraverso il coordinamento di Piantumazione Selvaggia, un’associazione che si occupa di piantumazione di alberi in tutto il territorio nazionale”.

“Lo scorso autunno come associazione abbiamo realizzato una raccolta fondi e con la somma raccolta abbiamo acquistato piante e accessori necessari alla piantumazione – racconta Edoardo Rosso, vicepresidente di Psicoatleti asd -. Desideravamo piantumare un’area della Via Francigena, che nel 2006 abbiamo percorso interamente, in particolare volevamo farlo nell’area della Pianura Padana, particolarmente colpita dall’inquinamento. Così è nato il progetto “Aria Nuova” e la collaborazione con Cadeo e Orio Litta, i due Comuni a cui abbiamo donato le piante. Così facendo regaliamo macchine mangia CO2 ai pellegrini di oggi e di domani”:

“Qui prenderà vita non solo un’ampia area verde ma troverà sede anche un’area sportiva attrezzata – aggiunge il primo cittadino -. Uno spazio verde che vorremmo fosse vissuto e sentito proprio anche dai nostri ragazzi, e perché no, uno spazio ulteriore dove sperimentare l’outdoor education, l’educazione vissuta all’aperto. Per queste ragioni stiamo mettendo in cantiere un concorso di idee per dare un nome all’area. Un’iniziativa che vorremmo rivolgere agli studenti del nostro Istituto scolastico, con cui prenderemo presto contatto per valutare la possibilità di costruirlo insieme”. “Prossimamente avremo tra noi lo scrittore Enrico Brizzi, presidente di Psicoatleti – conclude la vicesindaca Toma – così grazie all’Associazione prende vita un progetto che promuove l’ambiente ma anche la cultura”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.