Quantcast

Donini “Mi aspetto tutta l’Emilia Romagna in zona rossa” A Piacenza trasferiti solo pazienti non covid

Più informazioni su

“Coi dati che stanno emergendo” che passi tutta la regione in zona rossa “è nelle cose”.

Lo ha spiegato – come riporta l’agenzia Ansa – l’assessore regionale alla Salute in Emilia-Romagna Raffaele Donini, a Timeline su Skytg24, ricordando i provvedimenti regionali che hanno già aumentato le restrizioni per Modena, Bologna e la Romagna, mentre il resto delle province è ancora arancione, a parte Reggio Emilia che è arancione scuro. La situazione della città metropolitana di Bologna, colpita da una forte ondata di contagi – ha evidenziato “è preoccupante, problematica e critica“, sia perché ha una saturazione nei numeri delle terapie intensive, ma anche perché “durante la prima ondata, un anno fa, aveva ospitato anche pazienti di altre città capoluogo di provincia”.

“L’incidenza dei casi è sopra 250 per 100mila abitanti per settimana e nei reparti abbiamo una saturazione al 45% in terapia intensiva e 49% nei reparti covid”. “In questi giorni speriamo tutti di essere in condizione di avere il picco – aggiunge Donini – ma stiamo registrando ancora tanti casi, alcuni dal punto di vista clinico molto problematici”. Donini sottolinea inoltre che quando si hanno numeri molto elevati di contagi, il 5-6% di ospedalizzazione porta a cifre difficili da sostenere dal sistema sanitario. ”Non potendo lasciare la gente senza respirare in mezzo alla strada- dice- dobbiamo saturare i nostri ospedali e rallentare l’attività programmata.

Proprio per questo motivo proseguono i trasferimenti di pazienti da Bologna e dalla Romagna all’ospedale di Piacenza. Nel pomeriggio dell’11 marzo è arrivato l’elisoccorso con un paziente intubato non covid, trasferito dall’ospedale Bellaria Carlo Alberto Pizzardi di San Lazzaro di Savena (Bologna) alla terapia intensiva di Piacenza. La scelta di spostare persone non malate di covid non è casuale: data l’alta incidenza della variante inglese nel capoluogo emiliano e nella parte orientale della Regione si è scelto di circoscrivere il raggio territoriale di trasferimento delle persone infette.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Filo_PC

    Assessore Donini ma dove sono finiti quegli hub delle terapie intensive di cui si parlava a giugno dello scorso anno? (uno era a Parma) Quanti posti di terapia intensiva ci sono oggi più di un anno fa? Indovino? 0? Almeno quelli da campo come il nostro fatto dai militari lo scorso anno li avete usati? Posso indovinare? No? Spariti anche quelli? E poi ci aspettiamo, quasi auguriamo la zona rossa. Grazie.