Quantcast

Francesca Barale (VO2 Team Pink) da applausi: quarto posto nel Piccolo Trofeo Binda

Una gara all’attacco, da protagonista, con un podio sfiorato al termine di una prestazione da applausi.

Nel Piccolo Trofeo Alfredo Binda-Valli del Verbano, prima prova della Coppa delle Nazioni 2021 per la categoria Donne Juniores, il VO2 Team Pink ha recitato un ruolo di prim’ordine, brillando soprattutto con Francesca Barale; la “panterina” ossolana, infatti, ha conquistato il quarto posto nella competizione internazionale che vedeva la finish line a Cittiglio (Varese), gustoso antipasto di giornata del Trofeo Binda, prova World Tour per Donne Elite.

La ciclista piemontese si è messa in luce già nel cuore della corsa, transitando in prima posizione al terzo Gran premio della montagna di giornata a Casalzuigno, bissando il discorso nel quarto appuntamento in ascesa ad Azzio e scollinando in seconda posizione nell’ultimo transito di Casalzuigno. La salita finale di Orino pareva essere decisiva come in altre edizioni e Francesca (in maglia tricolore dopo l’impresa di Sarcedo 2020) ha rotto gli indugi, andando all’attacco solitario. Alle sue spalle, però, hanno risposto presente in quattro (la marchigiana Ciabocco e le straniere Rayer, Ruetschi e Athosalo), con un margine di 20 secondi sul primo gruppo quando iniziava la virata verso Cittiglio. Il margine si è assottigliato sempre più, arrivando a 8 secondi, ma sul rettilineo finale è stata volata ristretta che ha premiato la finlandese Anniina Athosalo (Team Rytger Development), precedendo la svizzera Ruetschi. Terza al fotofinish la francese Rayer sulla Barale e quinta la Ciabocco. Per il VO2 Team Pink, corsa terminata anche per Chiara Sacchi (34esimo posto), Martina Sanfilippo (35esimo posto), Silvia Bortolotti (42esimo posto), mentre Elisa Incerti è stata costretta al ritiro da una caduta.

“Chiudiamo – le parole di Stefano Peiretti, ds della formazione insieme al collega Vittorio Affaticati – questa prima gara di Coppa delle Nazioni Donne Juniores con un bel quarto posto di Francesca Barale e un’ottima prestazione di squadra. Siamo molto contenti di come le ragazze abbiano corso bene insieme, collaborando tra loro e raggiungendo un ottimo risultato complessivo contando anche i piazzamenti delle altre ragazze. Francesca le ha provate tutte per fare la differenza in salita, ma non é bastato, venendo beffata per un soffio sul traguardo nel duello per il terzo posto. Siamo molto soddisfatti per quella che è stata un’esperienza molto formativa per tutte le nostre ragazze presenti. Ora il calendario prevede due week end senza gare e ci prepareremo all’appuntamento dell’11 aprile a Civitanova Marche”.

“E’ stata – le parole di Francesca Barale – una gara movimentata, dove siamo partite abbastanza forte. Come squadra siamo contente perché eravamo tutte davanti, poi le cadute hanno penalizzato Martina (Sanflippo) ed Elisa (Incerti). Sull’ultima salita sono partita a metà ascesa, poi in cima ci ho riprovato ma ho guadagnato poco e in discesa sono stata ripresa dalle altre quattro attaccanti. Il quarto posto in volata un po’ dispiace, ma c’è da dire che la vincitrice è andata molto forte allo sprint. Mi consolo comunque con i premi di Gpm, combattività e miglior italiana”.

Risultati

Ordine d’arrivo Piccolo Trofeo Binda: 1° Anniina Ahtosalo (Finlandia, Team Rytger Development) 73 chilometri 400 metri in 2 ore 1 minuto 39 secondi , media 36,202 chilometri orari, 2° Noëlle Ruetschi (Svizzera), 3° Eglantine Rayer (Francia), 4° Francesca Barale (VO2 Team Pink), 5° Eleonora Ciabocco (Ciclismo Insieme-Team Di Federico) a 2 secondi, 6° Valentina Basilico (Racconigi Cycling Team) a 4 secondi, 7° Sara Fiorin (Gauss), 8° Chiara Reghini (Team Wilier Chiara Pierobon)a 6 secondi, 9° Ainara Albert (Spagna, International Cycling Academy), 10° Andrea Casagranda (Breganze Millenium).

Nella foto di Flaviano Ossola, Francesca Barale (VO2 Team Pink) protagonista a Cittiglio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.