Quantcast

“La malattia non è cambiata: noi siamo pronti, ma ciascuno faccia la propria parte”

Più informazioni su

“L’emergenza continua. Noi siamo pronti, quanto accaduto ci ha reso una squadra ancora più coesa. Abbiamo imparato tanto. Possiamo dare il massimo ma anche i cittadini devono fare la loro parte. Non abbassiamo la guardia. Rispettate le regole!”.

E’ il messaggio lanciato alla comunità piacentina da medici, infermieri e personale del reparto di Rianimazione dell’ospedale, équipe che conta 12 rianimatori, 18 anestesisti e 32 infermieri. “La malattia non è cambiata – le loro parole riportate in un post su Facebook postato dall’azienda sanitaria -. È sempre grave. Non colpisce solo gli anziani e le persone con più patologie. Basta pensare alla ragazzina di 11 anni ricoverata a Bologna: nessuno si senta al riparo”.

“Per questo – è il loro accorato appello – chiediamo ai nostri concittadini di non allentare la presa. Siamo tutti stanchi, vorremmo tornare a una vita normale, i pochi casi registrati nella nostra città sembrano suggerire un certo ottimismo. Ma la situazione potrebbe cambiare rapidamente. Noi siamo pronti e vi chiediamo: ciascuno faccia la sua parte. Mascherina, igiene delle mani, evitare gli assembramenti. Adulti e giovani. Non è il momento di mollare”.

#buongiorno e buona domenica dalla #Rianimazione dell’ospedale di Piacenza

Da oltre un anno, medici, infermieri e…

Pubblicato da Azienda Usl di Piacenza su Domenica 7 marzo 2021

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.