Quantcast

Scappa perché alla guida senza assicurazione, rintracciato grazie alle telecamere

Nella tarda mattinata di mercoledì 10 marzo, una pattuglia della polizia locale dell’Unione Val Trebbia Bassa Val Luretta ha intimato l’alt ad un automobilista che, per tutta risposta, si è dato alla fuga a tutto gas.

Tutto è iniziato verso le 11 quando, attraverso il sistema di telecamere di video sorveglianza di lettura targhe installate lungo le principali direttrici, è arrivata un’allerta direttamente sul tablet veicolare per sospetta mancata copertura assicurativa di una Bmw in transito a San Nicolò. La pattuglia, che stava percorrendo la via Emilia, ha incrociato l’auto segnalata dal sistema computerizzato, proveniente da Piacenza. Gli agenti, utilizzando sirena, lampeggianti e paletta d’ordinanza, hanno intimato l’alt all’automobilista, ma quest’ultimo ha accelerato con lo scopo di seminare gli agenti: con una manovra brusca, ha dapprima sorpassato alcune auto per poi svoltare in via Curiel procedendo a zigzag tra il traffico. Gli agenti, temendo di mettere a repentaglio l’incolumità di pedoni e altri utenti della strada, hanno deciso di interrompere l’inseguimento.

Da successivi controlli, è emerso che l’auto in questione era priva di polizza assicurativa. Gli inquirenti, che stanno risalendo al proprietario del mezzo e al conducente, stanno valutando il carico di infrazioni commesse in pieno centro abitato: dalla velocità pericolosa, al sorpasso azzardato fino all’omessa assicurazione del veicolo. A breve verranno trasmessi gli atti alla Prefettura. Oltre una dozzina i punti che il conducente rischia di perdere dalla patente, oltre al sequestro del mezzo e ad una sanzione amministrativa di diverse migliaia di euro.

Sono già tre le auto “pizzicate” e sequestrate dagli agenti dell’Unione Val Trebbia Bassa Val Luretta, dal 1° di Febbraio al weekend scorso, proprio per essere state trovate a circolare, nel territorio di competenza, senza assicurazione. Un potenziamento dei controlli – anche per mezzo delle telecamere dislocate nei punti nevralgici della viabilità – era stato promesso, sin dal giorno del suo insediamento, dal Comandante del Corpo Paolo Costa per aumentare la sicurezza nella circolazione e degli utenti della strada.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.