Quantcast

Lega contro i Si Cobas: “Soffiano sul fuoco del disagio”

SICOBAS, LEGA PIACENZA: “NON FANNO SINDACATO MA SOFFIANO SUL FUOCO DEL DISAGIO: SOLIDARIETA’ A PROCURA E QUESTURA”

“Un conto è fare il sindacato e difendere i diritti e gli interessi dei lavoratori, un altro è strumentalizzare e speculare su legittime rivendicazioni dei lavoratori per scivolare sul piano inclinato dello scontro e della lotta sociale. Perché è quest’ultimo l’obiettivo sotteso dalle scomposte dichiarazioni del leader di SìCobas, Carlo Pallavicini”. Il gruppo consiliare Lega Piacenza stigmatizza il video rilanciato sui social dall’organizzazione Si Cobas alla notizia della revoca degli arresti domiciliari per Pallavicini medesimo e per Mohamed Arafat.

“La video-diretta Facebook dal quartier generale di SìCobas, in cui si vedono persone assembrate e con la mascherina abbassata in sfregio alle norme che tutelano la salute pubblica la dice lunga su quello che è il concetto di rispetto della legalità di questa organizzazione sindacale che vorrebbe rappresentarsi come paladina dei diritti, in questo caso dei precari. Una contraddizione evidente e sostanziale dalla quale si evince come il loro intento sia quello di fomentare il disagio sociale di chi lavora in modo precario nel settore logistica, per fini di propaganda che nulla hanno a che vedere con le vere istanze da tutelare nel mondo del lavoro. Il signor Pallavicini deve rendersi conto che in uno Stato di diritto esistono regole di convivenza civile che valgono per tutti, che la dialettica sindacale è altro rispetto ai vuoti slogan che vorrebbero riecheggiare un periodo storico già tramontato nel suo fallimento, e che, soprattutto, loro non sono al di sopra della legge e delle istituzioni. Pertanto, mentre censuriamo le sue parole “avete fatto una porcata” esprimiamo la nostra solidarietà alla Procura e alla Questura di Piacenza per il loro quotidiano impegno a tutela e presidio della legalità” sottolineano dalla Lega piacentina.
“Sia chiaro: Piacenza e i piacentini sono persone perbene e di buonsenso che non cascano e mai cascheranno nelle trappole della propaganda, della provocazione e della violenza fine a se stessa” concludono i leghisti. (nota stampa)

SI-COBAS, RANCAN E STRAGLIATI (LEGA ER): “PAROLE SCONCERTANTI, PALLAVICINI PORTI RISPETTO ALLE ISTITUZIONI”

“Carlo Pallavicini porti rispetto alle istituzioni e alla città di Piacenza. Le sue esternazioni sono sconcertanti laddove attacca procura, magistratura e forze dell’ordine dicendo che avrebbero fatto una porcata. A queste categorie va la mia piena solidarietà”. Così i consiglieri i consiglieri regionali leghisti Valentina Stragliati e Matteo Rancan, capogruppo Lega Er in merito alle dichiarazioni di Pallavicini, il militante piacentino leader del sindacato SiCobas, arrivate a poche ore dalla notizia della revoca degli arresti domiciliari per i disordini avvenuti a fine gennaio davanti ai cancelli della Tnt.

“Parole intollerabili come intollerabile è l’atteggiamento di chi tiene in scacco la città creando assembramenti in un momento delicatissimo. Riteniamo si possano portare avanti le proprie idee senza per forza creare manifestazioni che creino disagi e problemi di ordine pubblico” hanno aggiunto i leghisti.
“Vedere centinaia di persone, addirittura mille secondo gli organizzatori, raccolte in un parcheggio mentre Piacenza si trova in zona rossa è un segno di poco rispetto per il resto della cittadinanza che sta facendo dei sacrifici e un inutile rischio” hanno detto gli esponenti del Carroccio, condannando la manifestazione dei SiCobas nel parcheggio di fronte ad Amazon con assembramenti e relativi blocco del traffico e problematiche alla viabilità di Castel San Giovanni.
“Ancora peggio è stato apprendere le parole di Pallavicini che denotano una totale mancanza di rispetto nei confronti delle istituzioni” hanno concluso Rancan e Stragliati. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.