Quantcast

“Noi contrari alla moschea, l’amministrazione rimetta in discussione l’iter”

Caso moschea, nota del centrodestra a palazzo Mercanti

Abbiamo fiducia nel sindaco Barbieri e nella sua squadra. Siamo pertanto certi che si faranno garanti del percorso di chiarezza che concordemente riteniamo necessario.

Come ben sanno i piacentini, il centrodestra è sempre stato contrario all’utilizzo degli immobili di Via Caorsana e Via Mascaretti quali luoghi di culto. Su questo il centrodestra non ha mai cambiato idea, in coerenza a quanto fece anche durante l’ultimo passaggio nel quale le forze politiche potevano esprimere il loro orientamento, e cioè nel consiglio comunale del 2016, durante la passata amministrazione di centro sinistra.

Allora furono i consiglieri di centro destra dai banchi della minoranza, tra i quali l’attuale assessore Opizzi, a manifestare forte contrarietà al riguardo non esprimendo voto favorevole all’approvazione del PSC. Fu quello il piano che creò le premesse per la compatibilità urbanistica dei luoghi di culto con i tessuti produttivi, ponendo le basi per l’insediamento a pieno titolo del centro islamico: la moschea a Piacenza è quindi l’ultimo bel regalo lasciato dalla passata amministrazione di centrosinistra.

All’Assessore Opizzi chiediamo di approfondire l’analisi dell’iter amministrativo che ha condotto al cambio di destinazione d’uso di un capannone in via Caorsana e di verificare che non vi sia stata alcuna irregolarità o forzatura.

Oltre a ciò chiediamo all’Amministrazione che si adoperi, con ogni modalità prevista dalla legge, per rimettere in discussione la definitiva costituzione della moschea.

Le segreterie provinciali ed i capigruppo in consiglio comunale dei partiti Lega Salvini premier piacenza, FdI, FI.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.