Quantcast

“Prodotti agricoli on-line, boom di richieste. Ed ora più spazio agli agriturismi”

Più informazioni su

Nota stampa di Cia – Agricoltori italiani

Non cessa l’azione di Cia-Agricoltori italiani per supportare il mondo agricolo in generale ed in particolare gli agriturismi in questo momento di forte difficoltà causa la pandemia per cercare di consolidare la maggiore propensione dei consumatori agli acquisiti alimentari e di prodotti su internet, perché il lockdown ha rafforzato la presenza dei produttori agricoli sul web.

Nell’attesa di un ritorno alla normalità, dove la gente si reca negli agriturismi per gustarne gli straordinari prodotti del territorio, l’ospitalità e la bellezza dei paesaggi (che è poi la funzione per cui sono nati come integrazione al reddito agricolo, soprattutto nei territori di collina e montagna), nei giorni scorsi il presidente Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, ha presentato al ministro del Turismo, Massimo Garavaglia il portale Dal Campo alla Tavola, la piattaforma e-commerce che vede protagonisti gli agricoltori su tutto il territorio nazionale, realizzato con il sostegno di J.P.Morgan, per consentire a tutte le aziende, soprattutto a quelle che non potrebbero gestire un e-commerce in autonomia, di raggiungere il cliente finale.  Secondo il presidente Scanavino, il momento continua a essere ancora critico per il perdurare delle chiusure, con gli operatori nuovamente bloccati dopo aver realizzato ingenti investimenti per mettere le strutture in sicurezza.

“E’ una innovazione – commenta il presidente di Cia Piacenza Franco Boeri – di straordinaria potenzialità di promozione e valorizzazione per tutte le aziende, comprese quelle del settore agrituristico. In tal modo si ampliano – commenta – i servizi della piattaforma a tutte le aziende agricole multifunzionali impegnate in servizi di ospitalità che sono numerose sul nostro territorio ed occupano molti addetti, compreso l’indotto che determinano, ben – come ha ricordato anche Scanavino al Ministro – 24mila realtà e 100mila addetti in tutto il Paese”.

Il presidente Scanavino ha proposto di inserire “Dal Campo alla Tavola” nel grande piano strategico che il ministro Garavaglia sta realizzando per rilanciare il turismo nazionale, con un progetto unico di sistema che accolga le specificità dei vari settori. Il ministro Garavaglia ha accolto con favore questa e le altre proposte Cia per superare le grave crisi delle aziende agrituristiche – fra le più penalizzate nell’anno della pandemia -, dando ampia disponibilità al presidente Cia a lavorare su progetti che valorizzino il turismo verde e l’agricoltura multifunzionale.

“Oggi più che mai – osserva Boeri – è indispensabile guardare al futuro con progetti innovativi, che possano permettere al comparto di riappropriarsi del ruolo fondamentale di leva economica e sociale per la ripartenza delle aree interne del Paese. Certo il nostro obiettivo è un ritorno alla normalità, ma intanto si crea una struttura che offre grandi possibilità, perché durante la pandemia si è dimostrato quanta importanza abbia oggi l’e-commerce, risultato di una digitalizzazione sempre più di massa che rientra poi nelle finalità previste dal Recovery Plan, i cui assi strategici sono appunto la digitalizzazione e innovazione oltre che la transizione ecologica e l’inclusione sociale”.

“Un’altra importante funzione connessa al nostro portale di cui solleciteremo al massimo l’iscrizione tra i nostri soci, è la possibilità di accedere ad una “nicchia” specifica per il fresco. In questo caso il sito indicherà la struttura più vicina dove potersi recare ad acquistare il prodotto. Un’innovazione dunque- conclude Boeri- in linea con le nuove necessità, ma soprattutto una sfida per un futuro sempre più teso alla vendita diretta, fermo restando che la priorità rimane l’attrazione del territorio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.