Quantcast

Sostegno al commercio equo e solidale: dalla Regione 80mila euro per il biennio 2021-2022

Il prezzo giusto pagato ai produttori e un salario equo corrisposto ai lavoratori, senza finalità di lucro e all’insegna della solidarietà verso le popolazioni più povere del mondo.

È il commercio equo e solidale (Fair trade) un mercato in crescita, basato su principi di giustizia sociale e sostenibilità ambientale che la Regione Emilia Romagna riconosce e sostiene in modo concreto con aiuti economici finalizzati alla promozione e lo sviluppo delle iniziative nel settore. L’ultimo intervento in ordine di tempo è il bando varato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale che mette a disposizione 80 mila euro nel biennio 2021-2022 per la concessione di contributi sugli investimenti delle organizzazioni iscritte nell’apposito elenco regionale. Le novità rispetto agli anni scorsi sono due: il bando che da annuale diventa biennale e l’aumento dal 40 al 70% della percentuale di aiuto, fino ad un massimo di 25 mila euro a beneficiario.

“Il commercio equo e solidale- sottolinea l’assessore regionale al Commercio, Andrea Corsini– è una modalità di scambio di beni e prodotti che la Regione condivide e promuove perché ispirato a valori etici di solidarietà, nel rispetto dei diritti dei lavoratori che prestano la loro manodopera, dell’ambiente per le tecniche sostenibili e per le politiche di informazione corretta verso i consumatori. Tra le iniziative che sosteniamo ci sono anche quelle rivolte nello specifico alla formazione degli operatori e dei volontari delle organizzazioni del settore, quelle legate alla promozione e anche azioni divulgative ed educative nelle scuole. Interventi, questi ultimi, che saranno oggetto anche di un prossimo bando che uscirà a giugno”.

Le domande vanno presentate entro il 10 maggio prossimo esclusivamente mediante posta elettronica certificata all’indirizzo comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it e utilizzando l’apposita modulistica.

Cosa prevede il bando – Gli aiuti sono destinati a dare una spinta ai progetti di investimento realizzati dalle organizzazioni di settore, a partire da un minimo di 5 mila euro. Tra le spese ammissibili rientrano, ad esempio, quelle per le opere edili e impiantistiche per l’ampliamento e/o la ristrutturazione di locali destinati alla vendita dei prodotti; l’acquisto di impianti, attrezzature, compresi i mezzi di trasporto, nonché di arredi, dotazioni informatiche e software per la realizzazione di siti internet e negozi virtuali. Ammessi anche i costi per la progettazione e direzione dei lavori e gli oneri per la sicurezza e i collaudi, fino ad un massimo del 5% dell’importo relativo alle opere edili e agli arredi. I contribuiti regionali, erogati in regime de minimis, sono cumulabili con sovvenzioni erogate da altri enti pubblici fino al l’80% della spesa ammessa. Per usufruire dei finanziamenti i progetti di investimento devono concludersi entro il 31 dicembre 2022. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.