Quantcast

Torta e palloncini colorati a Villaverde per i cento anni di nonna Marina foto

Sabato 13 marzo, presso la casa protetta di ‘Villaverde’ di Ancarano a Rivergaro (Piacenza) ci sono stati grandi festeggiamenti.

“Nonna” Marina Pugni ha raggiunto l’importante traguardo dei 100 anni, un compleanno festeggiato nonostante le limitazioni con una bella torta e tanti palloncini colorati. Nata il 13 marzo del 1921 a Fabbiano, un piccolo comune della provincia di Piacenza, in una famiglia era molto numerosa, guidata dal padre Giovanni e dalla madre Maria, entrambi contadini. Marina era la piccola di casa ed è l’ultima rimasta di 7 fratelli.

Racconta di aver amato molto la scuola, dove aveva un ottimo rendimento, ed avrebbe desiderato continuare a studiare, ma come succedeva molto spesso in passato ha dovuto abbandonare per dare una mano ai suoi genitori che avevano difficoltà economiche. Marina ha iniziato a lavorare all’età di 7 anni portando al pascolo gli animali e continuato a svolgere la mansione di contadina per tutta la vita. Una vita dedicata al lavoro ed una grande passione per tutto ciò che riguarda la terra e gli animali in particolare.

Ha conosciuto il marito durante le scuole elementari, si sono poi frequentati al termine della guerra per poi sposarsi nel 1954 e da questa unione è nato il figlio Gianluigi. Per un periodo tutta la famiglia si trasferisce a Roma, purtroppo però la signora rimane vedova nel 1976, all’età di 55 anni. Di carattere molto tenace ed intraprendente, tuttavia, Marina non si è persa d’animo ed ha preso le redini dell’azienda agricola fondata a Fabbiano dove ha lavorato anche il figlio fino al pensionamento. Dotata di un carattere socievole la signora ama molto la compagnia e passava il tempo libero a giocare a carte insieme ai pensionati del proprio paese.

Attualmente la famiglia è composta dal figlio Gianluigi, la nuora Patrizia con la quale ha sempre intrattenuto un ottimo rapporto, il nipote Massimo – che l’ha resa bisnonna – trasferitosi all’estero con la famiglia per motivi di lavoro- Molto legata alla propria famiglia e grande credente Marina ha sempre pregato e prega ancora oggi per tutti i suoi parenti. Purtroppo le circostanze non hanno permesso di festeggiare questo traguardo con tutte le normali possibilità, ma è stato possibile far vedere alla signora i suoi cari e festeggiare in sicurezza insieme agli operatori che con gioia si sono resi disponibili.

In perfetta linea con la determinazione e la dolcezza del suo carattere Marina ha un sorriso per tutti e spera di rivedere la sua amata Fabbiano, un ritorno che, si spera, coinciderà con l’arrivo di tempi migliori per il nostro territorio piacentino e per tutti noi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.