Quantcast

Vaccini, Bonaccini “Ci aspettano settimane complesse, ma siamo pronti ad accelerare”

“Ieri sera ho fatto il punto con i direttori generali delle Aziende sanitarie. Siamo al lavoro per accelerare ed estendere la campagna vaccinale, contando sulle maggiori forniture in arrivo e l’impegno del Governo su questo fronte. E sulla nostra organizzazione regionale, che sarebbe in grado di vaccinare molti più cittadini ogni giorno ed è pronta per il salto di qualità per la vaccinazione di massa”.

A dirlo è Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, che ha parlato su facebook con un post. “Usciamo da una settimana difficilissima – si legge -, per l’Emilia-Romagna e, purtroppo sempre di più, per tutto il Paese. Abbiamo chiesto al Governo di assumere misure nazionali ma intanto non abbiamo aspettato, le abbiamo prese qui. Ci aspettano alcune settimane complesse, ma il nostro impegno deve essere quello di passare rapidamente dalle restrizioni a tappeto alle vaccinazioni a tappeto”.

Ieri sera ho fatto il punto con i direttori generali delle Aziende sanitarie. Siamo al lavoro per accelerare ed…

Pubblicato da Stefano Bonaccini su Martedì 9 marzo 2021

VACCINI, DONINI “OPERATORI SOCIO-ASSISTENZIALI DA SOLLECITARE” – Sul tema vaccini è intervenuto anche Raffaele Donini, assessore regionale alla Salute, rispondendo in Assemblea legislativa alla consigliera Stefania Bondavalli della lista Bonaccini. Al centro della discussione l’andamento della campagna che coinvolge gli operatori delle strutture per anziani e disabili della Regione. “Continuano a essere un cruccio per la Regione Emilia-Romagna – le parole di Donini -, perche’ la percentuale di vaccinazione continua a essere bassa. Ad oggi- spiega l’assessore- risultano vaccinati circa 120.000 operatori sanitari e 11.372 operatori delle strutture assistenziali. La percentuale è altissima tra medici e infermieri, dobbiamo invece ancora sollecitare il personale socio-assistenziale”. Donini sottolinea però come ”nel corso del picco epidemico di questi giorni, la percentuale degli operatori ammalati è molto bassa e di gran lunga inferiore alle altre due ondate del marzo scorso e di novembre. Quindi vuol dire che il vaccino serve, prima di tutto a loro ma anche a difendere i degenti”.

Per questa ragione ”la Regione – assicura Donini – continuerà a promuovere la vaccinazione di tutte le figure sanitarie e socio-sanitarie. E’ in programma un’iniziativa il prossimo 19 marzo insieme all’Irccs Sant’Orsola di Bologna e stiamo studiando anche azioni di sensibilizzazione rivolti a specifici target”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.