Quantcast

Ecco la Signora del Klimt, il sindaco visitatore numero uno della Galleria riaperta

La Signora del Klimt finalmente può essere mostrata ai visitatori della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi.

Nella mattina di martedì 27 aprile è stato il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri il visitatore numero uno, in occasione della riapertura del museo dopo l’ingresso della nostra Regione nella zona gialla e il conseguente allentamento delle misure anticovid. Diversi i piacentini che hanno visitato la Galleria a partire dalla mattinata. Ad accompagnare il sindaco il vicepresidente della Galleria Eugenio Gazzola, l’assessore alla cultura Jonathan Papamarenghi e il consigliere Giovanni Giuffrida, insieme ai due custodi che hanno riconosciuto il valore dell’opera al momento del ritrovamento, Dario Gallinari e Leonardo Caronia.

“Oggi riprendiamo anche i progetti – ha spiegato Gazzola – che avevamo lasciato in sospeso prima della chiusura intorno al ritrovamento del capolavoro del Klimt, con una mostra in programma a giugno sui maestri che in Italia hanno sentito in varia misura l’influenza del pittore austriaco, e che prosegue nella primavera del ’22 con un’analisi del Klimt italiano con le sue opere in Italia”. “Prima che rubassero questo dipinto, nemmeno i piacentini venivano alla Ricci Oddi; dopo il furto sono venuti in tanti a vedere prima il ‘buco’ lasciato in galleria e poi l’opera ritrovata. I turisti dell’arte sono interessati più agli eventi che ai dipinti, ma questo fa pare della grande industria culturale dell’arte e noi lo accettiamo volentieri”.

Ricci Oddi sindaco Klimt

“E’ un segnale molto importante per la nostra cultura – ha affermato il sindaco Patrizia Barbieri – e oggi abbiamo visto con grande piacere che c’erano già persone in attesa di entrare, è la dimostrazione che c’è la voglia di apprezzare il nostro territorio e le nostre bellezze, speriamo che ci sia la ripartenza che vogliamo. Abbiamo progetti per il rilancio della Galleria che stiamo portando avanti, abbiamo provveduto con gli interventi di condizionamento dei locali, oltre alla possibilità di studiare un impianto di illuminazione ad hoc per valorizzare meglio le opere e la loro bellezza. Questo è un grande patrimonio, vogliamo organizzare iniziative collaterali insieme al circuito museale di Palazzo Farnese per far conoscere soprattutto all’esterno la cultura di Piacenza”.

“Altro impegno concreto – hanno proseguito sindaco e assessore – è stato, d’intesa con la Fondazione di Piacenza e Vigevano, il rifacimento di tutte le facciate ammalorate da tempo, con un esborso a carico del Comune di oltre 47mila euro, cui sono seguiti i lavori di sistemazione dei giardini, delle aree esterne e la rimozione delle piante rampicanti; proprio nel corso di questi interventi fu rinvenuto nel dicembre 2019 il “Ritratto di Signora”. Infine a tutto questo si è aggiunta la sistemazione del salone d’onore con la tinteggiatura dell’esedra che ospita attualmente l’allestimento che ospita la preziosa opera di Klimt”. “Sono stati realizzati interventi di carattere strutturale, ma anche investimenti volti a fornire un assetto organizzativo che migliori in modo decisivo la promozione della Galleria, tant’è che fin da subito abbiamo dato la piena copertura per i costi necessari all’assunzione di un direttore, che mancava da diversi anni: vogliamo avere una figura di adeguata levatura per il rilancio della pinacoteca”.

Ricci Oddi sindaco Klimt

Con il ritorno in zona gialla, riaprono anche a Piacenza musei e luoghi d’arte. Tra le riaperture più attese figura quella della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, oggetto in questi mesi di lavori di ristrutturazione. Da martedì 27 aprile i piacentini potranno così finalmente ammirare da vicino il Ritratto di Signora di Gustav Klimt, dopo il ritrovamento e con un allestimento che valorizza l’opera.

Ricci Oddi Klimt

Ecco gli orari: martedì, mercoledì, giovedì: dalle 9 e 30 alle 13 e 30; venerdì, sabato* e domenica*: dalle 9 e 30 alle 13 e 30 e dalle 15 alle ore 18. Sabato e Domenica visite solo su prenotazione, scrivendo una mail all’indirizzo: info@riccioddi.it. La prenotazione deve avvenire entro e non oltre le ore 12 del giorno precedente, altrimenti l’accesso al museo non sarà consentito. Si ricorda che Sabato 1° maggio, Festa dei lavoratori, la Galleria Ricci Oddi rimarrà chiusa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.