Quantcast

FedEx Tnt, Cgil: “Riapertura passa da azioni istituzionali. Grazie a Prefetto, sindaco e consiglio comunale”

“La strada per far tornare sui propri passi la FedEx Tnt passa anche dall’intervento deciso delle istituzioni e in questo senso vanno le azioni messe in campo da Prefettura di Piacenza, Regione Emilia-Romagna e Provincia di Piacenza che, come reso noto dagli enti stessi, hanno richiesto l’attivazione del ministero del Lavoro e del dicastero dello Sviluppo Economico. A loro va il nostro ringraziamento”.

Così, in una nota la Cgil di Piacenza esprime apprezzamento per le azioni messe in campo dalle istituzioni nella vicenda della chiusura del deposito FedEx Tnt. “Sono gesti importanti e non scontati anche i messaggi di solidarietà che continuano ad arrivare da soggetti pubblici, istituzioni e singole persone rispetto al presidio democratico delle donne e degli uomini della Cgil di lunedì mattina. Ed è un gesto che va al di là dell’atto politico quello della sindaca di Piacenza, Patrizia Barbieri, e del Consiglio Comunale di Piacenza che ringraziamo sentitamente. Ed è lo stesso Consiglio comunale che, lo ricordiamo, ebbe un ruolo importante nella costituzione della “Borsa del Lavoro di Piacenza” alla fine dell’800. La solidarietà che ci è arrivata da tutta la compagine istituzionale di Palazzo Mercanti è importante per la Cgil e per il mondo del lavoro tutto. Avanti, insieme” – conclude la nota della Camera del Lavoro di Piacenza.

Pecorara: “Situazione intollerabile, bene la richiesta di un intervento governativo” – “Una situazione inaccettabile sotto diversi punti di vista quella che si è venuta a creare con la decisione di Fed-Ex TNT di lasciare la nostra città. Da un lato, una scelta maturata per ragioni incomprensibili che assomigliano tanto a scuse pretestuose da parte della multinazionale, che lascia così in mezzo a una strada 280 lavoratori e quasi altrettante famiglie, dall’altro una protesta da parte di Si-Cobas che ha superato i limiti con la manifestazione di ieri, per la quale esprimo nuovamente la mia solidarietà a Cigl e Forze dell’Ordine. Bene hanno fatto, quindi, già da una settimana le istituzioni locali, con la Prefettura e la Regione, il nostro Sindaco Barbieri che da subito ha mantenuto alta l’attenzione su questa situazione, a richiedere un intervento a livello governativo per cercare di raggiungere soluzioni condivise”.

Così il consigliere comunale Sergio Pecorara, ritorna sulla vicenda Fed-Ex. “Sono stato tra i primi – sottolinea Pecorara – a denunciare, in questa situazione di zona rossa e di forti restrizioni, gli assembramenti incontrollati da parte di alcune frange che, nella protesta, hanno minato la sicurezza di tutti, rappresentando un costo sociale ed economico per la nostra comunità. Certi comportamenti sono intollerabili a maggior ragione nel contesto storico che stiamo vivendo, come ugualmente inaccettabile è il comportamento di un’azienda che senza alcun rispetto per il territorio che la ospita, decide unilateralmente e pare irrevocabilmente di abbandonare in mezzo a una strada centinaia di famiglie. L’auspicio è che quella che giustamente il Sindaco Barbieri ha definito una bomba sociale sganciata sulla nostra comunità possa essere disinnescata al più presto e che possa essere salvaguardato il lavoro e il nostro tessuto socio-economico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.