Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Confapi Industria

Il progetto di Confapi Industria: un hub vaccinale a disposizione delle imprese

Un hub di vaccinazione a disposizione delle piccole imprese che non hanno spazi idonei.

È questo il progetto di Confapi Industria Piacenza a fronte della firma del protocollo nazionale per vaccinarsi in azienda prevista per maggio. “L’intenzione è quella di creare un hub vaccinale nella nostra sede in via del Commercio – spiega il presidente di Confapi Industria Piacenza Giacomo Ponginibbi – ossia un luogo destinato alle imprese più piccole che non dispongono di spazi idonei per effettuare le vaccinazioni nelle loro sedi. Quelle più grandi invece potranno effettuare le vaccinazioni direttamente nei loro luoghi di lavoro. A breve la Regione Emilia-Romagna predisporrà un accordo unitario a livello regionale in cui normerà sia le vaccinazioni nelle aziende che nelle farmacie: a seguito di queste nuove indicazioni, potremmo procedere”.

Nel frattempo sono state approvate a livello nazionale le “Indicazioni ad interim per la vaccinazione nei luoghi di lavoro” che riguardano la disponibilità di vaccini e dell’azienda, la presenza/disponibilità del medico competente o di personale sanitario, la sussistenza delle condizioni di sicurezza per la somministrazione di vaccini, l’adesione volontaria ed informata da parte delle lavoratrici e dei lavoratori e la tutela della privacy e la prevenzione di ogni forma di discriminazione delle lavoratrici e dei lavoratori.

L’azienda o l’Associazione di categoria di riferimento che intende vaccinare sui luoghi di lavoro ne dà comunicazione all’Azienda Sanitaria di riferimento, secondo modalità da disciplinare a livello della Regione o Provincia Autonoma, la quale, verificata la disponibilità dei vaccini e la sussistenza dei requisiti necessari per l’avvio dell’attività, concorda le modalità di ritiro dei vaccini a cura del medico competente o del personale sanitario individuato dal datore di lavoro: per favorire anche i datori di lavoro con poche lavoratrici e lavoratori o altre forme di attività, sono possibili modalità organizzative anche promosse da Associazioni di categoria, o nell’ambito della bilateralità, destinate a coinvolgere lavoratrici e lavoratori di più imprese.

Per quanto riguarda poi l’idoneità degli ambienti destinati all’attività, la valutazione spetta all’Azienda Sanitaria che fornisce il vaccino. Su questo fronte però Confapi Industria Piacenza si dichiara pronta fin da ora a realizzare un hub in sede per venire incontro alle esigenze di tutte le aziende. Del resto l’idea di vaccinare in azienda era partito proprio da Confapi e in particolare dal piacentino Cristian Camisa, vicepresidente nazionale e già presidente provinciale, che è tra i firmatari del protocollo siglato con i ministri Speranza (Sanità), Giorgetti (Sviluppo), Orlando (Lavoro) e le sigle sindacali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.