Quantcast

“Ok alle vaccinazioni in farmacia, ma ci sono dosi sufficienti?”

La Regione rispetti l’accordo quadro tra governo, Regioni-PPAA, Federfarma e Assofarm che prevede la somministrazione da parte dei farmacisti dei vaccini anti Covid.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere regionale piacentino Giancarlo Tagliaferri (Fdi), per il quale “occorre essere realisti nel breve termine, in questo momento di pandemia, con le persone che chiedono a viva voce tutti i giorni di poter essere vaccinate: l’accordo quadro tra governo, Regioni-PPAA, Federfarma e Assofarm prevede la somministrazione da parte dei farmacisti dei vaccini anti Covid”. Poi il dubbio: “il 31 marzo scorso si è svolto un incontro in Regione tra i rappresentanti delle Farmacie Emilia-Romagna, Federfarma, Assofarm con l’assessore Raffaele Donini e la direttrice generale Cura della Persona, Salute e Welfare regionale Kyriakoula Petrapoulakos. La riunione si è conclusa con il risultato che ci sono più vaccinatori che vaccini, per cui al momento i farmacisti non verranno utilizzati”.

Da qui l’atto ispettivo rivolto alla Giunta perché rispetti quanto stabilito in sede nazionale sul coinvolgimento dei farmacisti nella somministrazione dei vaccini antiCoronavirus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.