Quantcast

Quarant’anni e non sentirli, i pensieri dai volontari della Pubblica Valdarda

Pensieri dalla Pubblica Assistenza ANPAS Val d’Arda: Quarant’anni e non sentirli

Il 2020 per la Pubblica Assistenza Val d’Arda e per tutte le consorelle Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) rappresenta l’anno di maggior sforzo e impegno, a causa della pandemia, mentre quello appena iniziato segna per la nostra Pubblica un traguardo di non poco conto: festeggia l’anniversario dei quarant’anni di attività. Lo scrive in una nota il sodalizio che dà la parola ad alcuni dei propri volontari.

Nata per caparbietà di medici radicati sul territorio e legati alla popolazione della nostra vallata, l’associazione, oggi, continua ad operare grazie all’impegno di oltre 200 militi. Le parole di sostegno e incoraggiamento degli utenti, affiancate anche da aiuti concreti rinfrancano, l’impegno assiduo; che gradevole sorpresa rientrare da un servizio Covid e ritrovarsi il pranzo (o la cena) offerti da un’attività o da un privato cittadino che si è considerato parte della grande famiglia della “Pubblica”.

Fiorenzuola, Lugagnano e Vernasca sono le tre sedi della Pubblica Assistenza Valdarda, qui tutti i volontari hanno medesimi compiti e funzioni. A Fiorenzuola in servizio si possono incontrare Sergio ed Antonia, squadra affiatata di volontari, addetti al trasporto di dialisi per tre volte la settimana e ai viaggi privati dei singoli cittadini (una visita specialistica, un esame o day Hospital…). C’è anche la squadra emergenza composta da Elia, giovane soccorritore volontario, sempre disponibile, e da Salvatore, autista soccorritore, colonna per statura ed efficienza della Pubblica val d’Arda; può capitare di vederli a cercare cinque minuti di riposo presso il bar dell’ospedale dopo aver sistemato con cura l’ambulanza con tutte le sue attrezzature. Al telefono risponde Leonarda, centralinista volontaria, organizza i compiti ordinari per le squadre operative. Salvatore ed Elia, ricevuta la “missione”, così definita dai protocolli della Centrale Operativa 118, dopo pochi istanti, da vicolo Cecilia Maldea, escono con l’ambulanza 10 (o Fiorenzuola 1); i due giovani sono irriconoscibili, tutti vestiti di bianco, diretti ad un intervento indicato come sospetto Covid; se necessario con loro esce l’auto infermieristica dell’ospedale.

A metà strada tra Fiorenzuola e Vernasca, si trova la sede della Pubblica Assistenza sezione di Lugagnano Val d’Arda. Intenti nelle attività di routine si possono incontrare a rotazione diverse squadre, tra le quali quella formata da Nicole e da Giuseppe entrambi autisti soccorritori. Nonostante l’apparente tranquillità di questo centro della media collina piacentina, la vita di sezione è abbastanza movimentata dalle richieste d’intervento dalla Centrale Operativa 118 che sono molto numerose a causa della vastità del territorio di pertinenza. Alla chiamata, suddivisi gli incarichi e indossati tutti i presidi individuali, Giuseppe e Nicole partono per la missione loro assegnata.

Chi risiede in collina può incontrare i ragazzi di Vernasca nella locale sede, ambiente molto familiare come tutte le sedi: è frequentato da amici e conoscenti, convenuti per due chiacchiere sull’andamento della giornata e per incoraggiare i volontari di turno. La sede di Vernasca, durante le ore diurne, è per lo più attiva sui servizi ordinari a disposizione delle diverse strutture e centrali trasporti. Ormai tra i pazienti e gli operatori si è creato un legame di confidenza e di amicizia che distrae il pensiero dalla preoccupazione del momento.

Pubblica Val d'Arda

Tutti gli equipaggi della Pubblica Assistenza Valdarda portano aiuto a chi ha bisogno, non solo effettuando il trasporto necessario, ma anche dialogando fraternamente con i pazienti durante il viaggio, per favorire un momento di sollievo e di distrazione dalla situazione contingente. Dice Gianfranco, autista della sede di Vernasca: “Ogni servizio con i miei colleghi è un’esperienza nuova da vivere con l’entusiasmo e la consapevolezza che fare del bene e aiutare le persone in difficoltà è sempre la cosa giusta.” I volontari, però, non sono solo giovani aitanti e scattanti, supereroi moderni; ci sono anche quelli che usciti dal mondo del lavoro (operaio, artigianale o professionale), non meno attivi e pronti, sono sempre quelli più disponibili. La Pubblica Assistenza Valdarda, è sempre alla ricerca di nuove leve, di persone disposte a impiegare parte del proprio tempo libero in modo consapevole, aperto ai rapporti con gli altri: un universo da scoprire, familiare, solidale e di amicizia.

Pubblica Assistenza Val D’Arda ODV- ANPAS

La foto di gruppo è di repertorio, del periodo precedente la pandemia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.